Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

NASA ecco il robot gonfiabile spaziale

Si chiama King Louie ed è un robot in fase di test, sviluppato con fondi NASA e pensato per le missioni spaziali.

In futuro i robot sicuramente ci affiancheranno nei voli spaziali, ma non è detto che il loro aspetto sarà per forza simile a quelli presenti sulla Terra. Ecco perché alla Brigham Young University un gruppo di scienziati tra cui Mark Killpack, docente del dipartimento di ingegneria meccanica, sta lavorando su King Louie, un robot gonfiabile, grazie a finanziamenti della NASA.

King Louie, caratterizzato da due braccia particolarmente lunghe e per questo ribattezzato come l’orango del Libro della Giungla, funziona sostanzialmente tramite aria compressa. Gli arti infatti sono segmentati in diversi comparti: sgonfiandoli e gonfiandoli tramite attuatori si ottiene il movimento. Il funzionamento degli arti è di tipo antagonistico, ossia funziona come nel nostro corpo, in cui in ciascun movimento c’è sempre un muscolo che va in tensione e quello opposto che si rilassa.

nasa_robot

Il vantaggio principale di questa soluzione è di ottenere un robot altrettanto efficiente di quelli terrestri, ma molto più leggero e dall’ingombro contenuto. Questo perché nei viaggi spaziali attuali ma anche del prossimo futuro, lo spazio è assai limitato e il peso è un fattore fortemente limitante in quanto i razzi potranno trasportare solo un determinato quantitativo di cose. Non è un caso infatti se la NASA sta sperimentando anche la possibilità di utilizzare in futuro stampanti 3D, in modo che gli astronauti stampino e assemblino da sé ciò che gli servirà, anziché trasportarlo da Terra.

Se King Louie si dimostrerà all’altezza potrebbe quindi essere una valida soluzione alternativa per dotare rover e shuttle di robot assistenti o di bracci robotizzati, ma in realtà gli utilizzi futuri potrebbero essere molti. “Non immaginiamo questi robot morbidi come sostituti dei tradizionali robot industriali, più veloci e precisi, ma immaginiamo che ci siano molte applicazioni in cui robot industriali grandi, pesante e pericolosi possano non risultare altrettanto efficaci quanto robot morbidi e gonfiabili”, ha spiegato ancora Killpack.