e-Gov

Privacy: paletti alla propaganda elettorale elettronica

La propaganda elettorale dovrà rispettare una serie di paletti imposti dall'Autorità Garante per la privacy. Oggi l'Authority presieduta da Antonello Soro ha pubblicato i dettagli del provvedimento dedicato alle prossime consultazioni elettorali. Si tratta delle "modalità in base alle quali partiti politici e candidati possono utilizzare correttamente a fini di propaganda elettorale i dati personali dei cittadini (es. indirizzo, telefono, e- mail etc.)".

La prima nota è che per contattare gli elettori e inviare materiale di propaganda, partiti, organismi politici, comitati promotori, sostenitori e singoli candidati non avranno bisogno del consenso dei cittadini. Sempre che si faccia riferimento ai dati contenuti nelle liste elettorali detenute dai Comuni, nonché i dati personali di iscritti ed aderenti.

La campagna elettorale è iniziata

"Possono essere usati anche altri elenchi e registri in materia di elettorato passivo ed attivo (es. elenco degli elettori italiani residenti all'estero) ed altre fonti documentali detenute da soggetti pubblici accessibili a chiunque. Si possono utilizzare dati raccolti nel quadro delle relazioni interpersonali avute con cittadini ed elettori", prosegue la nota del Garante.

Per quanto riguarda invece la comunicazione elettronica come SMS, e-mail, MMS, telefonate preregistrate e fax vi sarà bisogno di esplicito consenso. "Stesso discorso nel caso si utilizzino dati raccolti automaticamente su Internet  o ricavati da forum o newsgroup, liste di abbonati ad un provider, dati presenti sul web per altre finalità", sottolinea la nota dell'Authority. Le stesse restrizioni si applicano per l'uso dei dati degli abbonati presenti negli elenchi telefonici.

Non sono in alcun modo utilizzabili "gli archivi dello stato civile, l'anagrafe dei residenti, indirizzi raccolti per svolgere attività e compiti istituzionali dei soggetti pubblici o per prestazioni di servizi, anche di cura; liste elettorali di sezione già utilizzate nei seggi; dati annotati privatamente nei seggi da scrutatori e rappresentanti di lista durante operazioni elettorali".