Spazio e Scienze

Scambio di corpi

Pagina 5: Scambio di corpi

L'argomento che più mi affascina è lo scambio di corpi: io passo a te il mio corpo, tu passi a me il tuo.

Il travaso di anime, lo scambio, si trova tra gli altri in Avventura nel Primo secolo di Paolo Monelli (1959). Anche qui non c'è una spiegazione di come avvenga, se non di tipo vagamente soprannaturale ma, sul piano letterario, risparmia la noia di descrivere gli anni del nostro eroe catapultato nel I secolo, dalla nascita all'età in cui di solito le persone fanno cose interessanti. Così, quando lui entra nel corpo di un diciassettenne, l'anima di questo si trasferisce a sua volta in quello di un bambino morto alla nascita.

91iOWwRHHKL[1]

Come dicevo, non vengono date spiegazioni scientifiche, e tutto sommato, dal punto di vista letterario, l'unica ragione è di rendere possibile il viaggio nel tempo, un tema di cui avremo modo di occuparci più avanti.

Il grande scrittore inglese George Wells fu uno dei primi a introdurre la nozione di scambio mentale nel racconto Il fu signor Elvesham (in Io e l'altro. Racconti fantastici sul Doppio). Grazie a una misteriosa polverina, un vecchio filosofo un po' carogna trasferisce i suoi ricordi e la sua identità nel corpo di un giovane, che lascia erede di tutte le sue sostanze; questi, a sua volta, si risveglia nel decrepito corpo di lui; alla fine muoiono tutti e due, l'ex ragazzo suicida per disperazione, il vecchio per un imprevisto ma fondamentalmente giusto incidente stradale. Quel filosofo aveva in pratica risolto il problema dell'immortalità, e il giochino avrebbe potuto funzionare illimitatamente: una volta invecchiato il corpo, bastava trovare un altro giovanotto in salute da truffare.

Ma se trovarsi scambiato il proprio corpo con quello di un altro uomo è un'esperienza traumatizzante, immaginiamoci cosa vorrebbe dire finire in una creatura diversa, che è la somma di tutti gli abomini concepibili nel peggiore dei propri incubi.

Stiamo parlando naturalmente di Howard Phillips Lovecraft, il maestro della letteratura horror. In particolare, il romanzo L'ombra venuta dal tempo tempo (The Shadow out of the Time, 1936). Qui una razza vissuta sulla terra milioni di anni fa, forse di origine aliena, pratica lo scambio dei corpi con gli umani (e altri esseri intelligenti vissuti in epoche lontanissime, passate o future) allo scopo di accrescere le sue conoscenze. L'alieno vive alcune settimane, mesi o anni nel corpo dell'uomo, che a sua volta vivrà nel mondo di quegli esseri. L'atmosfera è cupa, minacciosa, secondo le ossessioni preferite di Lovecraft, che egli così descriveva nel Richiamo di Cthulhu (1926, 99 centesimi in ebook).

Penso che la cosa più misericordiosa al mondo sia l'incapacità della mente umana di mettere in relazione i suoi molti contenuti. Viviamo su una placida isola d'ignoranza in mezzo a neri mari d'infinito e non era previsto che ce ne spingessimo troppo lontano. Le scienze, che finora hanno proseguito ognuna per la sua strada, non ci hanno arrecato troppo danno: ma la ricomposizione del quadro d'insieme ci aprirà, un giorno, visioni così terrificanti della realtà e del posto che noi occupiamo in essa, che o impazziremo per la rivelazione o fuggiremo dalla luce mortale nella pace e nella sicurezza di una nuova età oscura.

Più disinvolto è anche qui R. Sheckley in Scambio mentale (Mindswap, 1966), che si apre così:

Marvin Flynn lesse il seguente annuncio nella piccola pubblicità della "Stanhope Gazette": Marziano 43enne, serio, ordinato, colto, desidera far scambio di corpo con terrestre di tendenze analoghe. Periodo: 1° agosto – 1° settembre. Referenziato. Mediatori riconosciuti e autorizzati. Questo normalissimo annuncio fu sufficiente a far galoppare il polso di Flynn. Scambiare il corpo con un marziano… L'idea era eccitante, ma anche repellente sotto certi aspetti.

Un bel sistema per farsi le vacanze, altro che scambiarsi gli appartamenti al mare, qui si scambiano i corpi!

Il problema è che, se poi ti accorgi di essere stato truffato, non è così facile rimediare: il marziano, infatti, tale Ze Kraggash, si rivela un fior di truffatore, che aveva già scambiato il corpo con un altro. Il povero truffato si rivolge ai servizi di scambi temporanei, e provvisoriamente deve diventare un quadrupede raccoglitore di uova, e poi un funzionario di un altro pianeta con un corpo da insetto. Finalmente, un investigatore marziano riuscirà a catturare l'imbroglione  e a rendere il corpo a Marvin.