e-Gov

Siti Web, le informazioni da inserire previste per legge

Pagina 1: Siti Web, le informazioni da inserire previste per legge

Sito web aziendale: quali informazioni sono richieste dalla legge

Siti web aziendali, quali informazioni inserire?

Molte società hanno, oggi, un proprio sito web. Non tutti sanno che alcune informazioni societarie devono obbligatoriamente essere rese pubbliche su di esso: ancor oggi non è raro imbattersi in siti che non contengono le informazioni previste dalla normativa vigente (e, in caso di sanzioni, potrebbero sorgere diatribe fra le Società e chi ha materialmente realizzato il sito web). Oggi cerchiamo di fare chiarezza sul punto, per capire quali sono tali informazioni (e con l’avvertenza che per determinate tipologie di attività può essere necessario fornire ulteriori elementi sul sito web).

L’indicazione della partita IVA e le sanzioni

Dal 2001, chi è titolare di partita IVA (o, in termini più rigorosi, “i soggetti passivi IVA”) e dispone di un sito web relativo all’attività esercitata, deve indicare il numero di partita IVA sull’home page di tale sito web. La norma che dispone tale obbligo è chiarissima (art. 35, comma 1, D.P.R. n. 633/72), come ha affermato l’Agenzia delle Entrate (risoluzione 16 maggio 2006, n. 60).

L’omessa indicazione, che costituisce un caso di violazione della legge tributaria, è punita con una sanzione amministrativa che può variare da € 258,23 a € 2.065,83.