Tom's Hardware Italia
Sicurezza

Voli USA, vietati a bordo i MacBook Pro con batterie a rischio incendio

La Federal Aviation Administration statunitense ha vietato l'introduzione a bordo di tutti i voli statunitensi dei MacBook Pro da 15 pollici che di recente Apple ha richiamato per problemi alla batteria. Il divieto però è sostanzialmente inapplicabile.

Niente Apple MacBook Pro da 15 pollici a bordo dei voli statunitensi, almeno per quanto riguarda i modelli da poco richiamati alla base del colosso di Cupertino per colpa di batterie potenzialmente instabili. A deciderlo è stata la FAA (Federal Aviation Administration), l’ente di regolamentazione dell’aviazione civile statunitense, come riportato da Bloomberg. A pensarci bene però il divieto è sostanzialmente inapplicabile, vediamo perché.

Lo scorso giugno, la casa della Mela morsicata ha richiamato su base volontaria un numero limitato di MacBook Pro da 15 pollici venduti principalmente tra il settembre 2015 e il febbraio 2017, perché contengono una batteria a rischio surriscaldamento. Il provvedimento segue quello più blando, comunicato lo scorso primo agosto dall’EASA (European Union Aviation Safety Agency), che si è limitata a raccomandare di tenerli spenti per tutta la durata del volo. Due provvedimenti dunque che sembrano dettati dal buon senso, ma che nella pratica sono assai difficili da attuare.

Per prima cosa infatti l’unico modo per distinguere un MacBook 15 pollici non a rischio da uno potenzialmente pericoloso (e ancora non ritirato) è verificarne il numero seriale. La procedura per verificarlo però non è semplicissima, richiede del tempo e una connessione a Internet, per cui è assai difficile attuarla a terra, impossibile a bordo. Ma anche ammettendo che il personale possa effettivamente accedere alle liste dei seriali, come faranno gli utenti che hanno uno dei MacBook incriminati ma a cui già hanno sostituito la batteria, a dimostrarlo? Tutte domande al momento senza risposta.

L’unica cosa davvero intelligente da fare, per chi è in procinto di partire per gli Stati Uniti, è spostare il controllo a monte: verificate voi stessi, se ancora non l’avete fatto, se il vostro MacBook Pro è uno di quelli a rischio, verificando tramite la pagina ufficiale che Apple ha messo a disposizione da mesi. In base al risultato deciderete poi se lasciare il portatile a casa o se portarlo comunque con voi, preparandovi nel caso ad eventuali problemi col personale di terra o di bordo, che potrebbe non dare il consenso all’imbarco o al decollo.

AGGIORNAMENTO

La FAA, tramite un suo portavoce, ha fatto sapere che il suo non è un ban specifico, ma un reminder a tutte le compagnie aeree statunitensi riguardo al fatto che è vietato trasportare a bordo dei voli qualsiasi dispositivo dotato di batteria al litio che sia stato richiamato in fabbrica per problemi di surriscaldamento.

29/08/2019

La compagnia aerea australiana Qantas Airways ha vietato il trasporto dei MacBook Pro da 15 pollici nel bagaglio registrato. Essi dovranno invece eventualmente essere inseriti nel bagaglio a mano e tenuti spenti per l’intera durata del volo.