Auto

Apple iCar, la guida autonoma potrebbe arrivare nel 2025

Continuano a susseguirsi i rumor riguardanti l’auto elettrica a cui starebbe lavorando Apple; secondo quanto ha riportato Bloomberg nelle ultime ore, “Project Titan”, o Apple iCar, sarebbe già stato avviato diversi anni fa per sviluppare un veicolo da lanciare sul mercato automobilistico, idealmente entro il 2025. Se inizialmente Apple aveva pensato di lavorare a un veicolo classico con sistemi di assistenza alla guida, ora sembra che il colosso di Cupertino abbia deciso di puntare a un’auto con sistema di guida autonoma di livello 5.

Dopo aver lavorato per anni ai due progetti in modo parallelo, sembra che Apple abbia optato per l’auto a guida autonoma, che ora è diventata la priorità assoluta: il report di Bloomberg dipinge un futuro che ancora fatichiamo a immaginare, di un’auto senza pedali né volante, di un’auto progettata per ospitare i suoi passeggeri come in un salotto che solo in casi di estrema emergenza concede agli occupanti di prendere il controllo del veicolo.

La compagnia californiana afferma di stare lavorando da diversi anni a una suite di sensori e software dedicati alla guida autonoma, oltre a star sviluppando una serie di chip neurali dedicati a questo specifico utilizzo: per fare questo, Apple si è affidata ai suoi ingegneri interni, che stanno mettendo a punti i chip necessari a gestire l’intelligenza artificiale del veicolo.

Apple spera di essere pronta con la sua iCar nel 2025, ma un po’ di scetticismo è assolutamente lecito: sono anni che si parla di guida autonoma, con Tesla che per lungo tempo ha sostenuto di poterci arrivare per prima salvo poi fare un passo indietro di fronte a evidenti difficoltà tecniche. Per accelerare i lavori, Apple si potrà avvalere di una flotta composta da 69 Lexus su cui verranno installati tutti i sensori e l’attrezzatura necessaria a testare il software di guida autonoma che la compagnia sta mettendo a punto. Come spesso accade in questi casi, Apple non ha rilasciato dichiarazioni in merito, e continua a lavorare in silenzio.