Auto

Aston Martin a idrogeno in gara alla 24 Ore Nurburgring

Aston Martin Rapide S è la prima sportiva con un motore ibrido a idrogeno che parteciperà alla 24 Ore del Nurburgring riservata ai veicoli endurance di classe E1-XP. Lo storico marchio britannico vuole festeggiare così il centenario della sua nascita. Lo scorso weekend i test sui 25,3 km del circuito completo sono stati positivi.

Aston Martin Hybrid Hydrogen Rapide S

Andava verificata la prestazione raggiunta, anche se in verità non vi è alcuna velleità di vittoria. Il serbatoio dell'idrogeno ha bisogno di un "pieno" ad ogni giro, a meno che ci si affidi parzialmente a quello del carburante tradizionale. In ogni caso sul giro singolo sfiderà ad armi pari le concorrenti Audi R8 LMS senza però emettere CO2.

L'Aston Martin Hybrid Hydrogen Rapide S sfrutta un sistema già usato in BMW: bruciare l'idrogeno in un motore a combustione, ovviamente a emissioni zero. Grazie alla specialista Alset Global è stato possibile trasformare il 6.0 litri V-12 tradizionale in un ibrido.

###old2241###old

Il doppio turbocompressore adesso funziona sia a idrogeno che a benzina, che con miscela dei due carburanti. Un centralina elettronica si occupa poi di ottimizzare potenza, accelerazione ed efficienza. Nel rispetto dei regolamenti di sicurezza FIA sono stati montati quattro serbatoi in fibra di carbonio con pressione a 5.076 PSI (pound-force per square inch) – praticamente 350 bar. La capienza massima di idrogeno è di 3,5 kg, sufficienti per un giro di circuito a tutto gas.

Aston Martin sostiene che la vettura sia in grado di raggiungere gli 0 – 96,5 km/h in 4,9 secondi; la velocità massima dovrebbe essere di 306 km/h. La potenza è di 550 CV con 619 Nm di coppia massima.

La gara avverrà nel weekend del 17-20 maggio 2013.