Ibride e Elettriche

Fiat 500 elettrica: un’icona di stile italiano a zero emissioni

Nata negli anni ’50, rinata nel 2008, evoluta nel 2020. La storia della Fiat 500 accompagna l’Italia e gli italiani dalla diffusione delle prime automobili fino alla rivoluzione elettrica. L’icona di stile e di design sarà infatti la prima auto del gruppo FCA a essere alimentata dalla solo energia elettrica. Disponibile nelle varianti berlina, cabrio e nella curiosa “3+1“, la 500 anche con questa evoluzione vuole continuare a essere una delle automobili preferite dal grande pubblico.

Per farlo, non ha rinunciato al proprio stile, che fonde linee classiche a un’impostazione moderna, decretandone da 12 anni un successo in termini di design. L’alimentazione è offerta da un motore elettrico da 118 Cv collocato sotto il cofano anteriore, alimentato da una batteria agli ioni di litio da 42 kWh alloggiata sotto il pianale. Tre allestimenti: Action, Passion e Icon. Si parte da circa 26 mila euro e si arriva ai 39 mila dell’allestimento più esclusivo e ricco di optional.

Connessa e tecnologica

Lo schema propulsivo sviluppato da FCA permette alla 500 elettrica di viaggiare per circa 320 km (nella versione più esclusiva) con una ricarica. Per tutte, la velocità massima è limitata a 150 km/h, sufficienti comunque per viaggiare in autostrada. Il gruppo italo americano ha anche assicurato alla 500 elettrica l’integrazione con il sistema V2G (Vehicle-To-Grid): una soluzione che consente di utilizzare la carica nelle batterie delle automobili come sistemi di accumulo energetico distribuito.

Grazie a un accordo di collaborazione con Engie e Terna, è stato inaugurato a Mirafiori il più grande impianto al mondo dove veicoli elettrici e rete elettrica interagiscono tra di loro in maniera bidirezionale permettendo così l’utilizzo delle batterie per fornire servizi di stabilizzazione della rete.

Intorno alla 500 elettrica è stato sviluppato un inedito ecosistema per rendere più immediata e immersiva l’esperienza di guida, e non solo, per l’utente che si avvicina per la prima volta a questo tipo di tecnologia. L’obiettivo è stato quello di trasferire i servizi di connettività di ultima generazione disponibili su smartphone e nelle smarthome su di un’automobile.

Il risultato è un sistema di connettività curioso, intuitivo, semplice e che riprende la semplicità di utilizzo tipica di uno smartphone. Una tecnologia che rende 500 elettrica una delle auto più connesse e tecnologiche del segmento.

Un nuovo sistema di infotelematica

500 elettrica porta al debutto il nuovo sistema di infotelematica UConnect5. Molto scenografico, può essere configurato su di uno schermo da 7 o 10,25 pollici, a seconda dell’allestimento scelto. L’interfaccia è ampiamente personalizzabile e le funzioni di connettività sono molto evolute: l’auto può diventare un hotspot wi-fi con possibilità di collegare fino a 8 dispositivi contemporaneamente.

Il sistema di infotelematica implementa soluzioni utili per un’auto elettrica. L’applicazione Fiat permette di visualizzare sulla mappa i punti di ricarica più vicini, inoltre, impostando la navigazione, il navigatore calcolerà automaticamente le eventuali pause necessarie per il rifornimento. Ottima l’integrazione con lo smartphone: dal dispositivo mobile è possibile monitorare lo stato di ricarica, programmare la ricarica e la posizione dell’auto.

Inoltre, sarà possibile pagare la ricarica direttamente dal telefono cellulare accedendo a una rete che comprende 200 mila punti in tutta Europa.

Guida autonoma di secondo livello

La 500 elettrica è un’auto espressamente pensata per un utilizzo in città. La sicurezza non è stata trascurata, anzi, l’integrazione con i sistemi Adas di aiuto alla guida raggiungono il secondo livello su cinque. La guida diventa così più facile, sicura e semplice permettendo di viaggiare su di una vettura lunga appena 3,63 metri con una buona percezione di sicurezza.

Tra i sistemi di ausilio alla guida troviamo: il controllo longitudinale e laterale della vettura; i sensori che rilevano quando il guidatore ha le mani sul volante; il Lane Centering con cui la nuova 500 elettrica mantiene la posizione al centro della corsia; l’Urban Blind Spot che attraverso sensori ultrasonici controlla gli angoli ciechi e avvisa con un segnale luminoso triangolare (che appare sullo specchietto laterale) se ci sono degli ostacoli.

Gli 11 sensori a 360 gradi, infine, offrono una drone view per evitare tutti gli ostacoli, quando si parcheggia e nelle manovre più complesse: una sorta di vista dal cielo che vede tutti gli ostacoli.

Modalità di guida

La 500 elettrica dispone di diverse modalità di guida, utilizzabili a seconda dello stile e delle necessità. In Normal la guida è rilassata: i 118 Cv permettono un’accelerazione da 0 a 50 km/h in 3 secondi, assicurando ripartenze brillanti e fulminee e permettendo all’auto di muoversi con estrema agilità tra il traffico e le insidie urbane.

In modalità Range i sistemi ottimizzano l’autonomia, la frenata rigenerativa è molto intensa e consente di viaggiare con il solo pedale dell’acceleratore. In rilascio il recupero dell’energia è talmente forte che porta l’auto ad arrestarsi senza utilizzare il pedale del freno. Una funzione molto utile in città per recuperare energia e di conseguenza autonomia.

In modalità Sherpa si ottiene il massimo dell’efficienza: alcune delle utenze dell’auto sono sospese e ciò assicura la massima efficienza, permettendo all’auto di raggiungere la destinazione o il punto di ricarica più vicino. Si tratta di una modalità da utilizzare in caso di imprevisti o di una sbagliata pianificazione di viaggio.