Auto

Limiti emissioni di CO2 nell’UE: chi ha raggiunto l’obiettivo?

Ancora non è chiaro quali siano state le case automobilistiche che sono riuscite a rispettare i limiti delle emissioni di CO2 imposte dell’Unione Europea. Tuttavia, sembrano esserci le prime comunicazioni ufficiali che svelano le aziende che sono state in grado di attenersi a tali limiti e chi, invece, sembra non aver rispettato i requisiti. A quanto pare, l’amministratore delegato del gruppo Volkswagen, nonché Herbert Diess, ha confermato che la casa automobilistica non è riuscita a limitare le emissioni di CO2 secondo le ultime direttive. Invece, buone notizie arrivano da parte della casa automobilistica Mercedes-Benz, la quale sembra essere riuscita in quanto richiesto dall’Unione Europea. Oltre all’azienda tedesca, sembrerebbe che anche i gruppi BMW e Renault siano riuscite a rispettare le nuove norme inerenti alle emissioni di CO2. Pieter Nota, nonché responsabile commerciale del costruttore BMW, avrebbe infatti dichiarato quanto segue:

Grazie alle nostre tecnologie Efficient Dynamics e agli oltre 135.000 veicoli elettrificati che abbiamo consegnato in Europa, abbiamo raggiunto i nostri obiettivi di flotta per le emissioni di CO2 nell’Unione europea e siamo stati persino in grado di scendere di pochi grammi al di sotto del limite obbligatorio (100 g/km).

Sembrerebbe che il gruppo di monaco abbia chiuso l’anno ormai passato con vendite che registrano 2.324.809 veicoli BMW, Mini e Rolls-Royce consegnati in varie parti del mondo. Tali dati, se confrontati con quelli degli anni scorsi, sembrano essere in evidente calo. Indubbiamente queste perdite sono legate alla pandemia del coronavirus. Tuttavia, la situazione è stata “salvata” nel corso del quarto semestre, con un incremento delle vendite rese possibili grazie ad alcuni fattori, quali gli ottimi risultati ottenuti con le Serie 7, Serie 8 e alla X7. Inoltre, l’andamento della Cina – grazie al quale è stato possibile registrare un +7,5% – ha bilanciato il forte calo registrato negli USA (-18%) e in Europa (-15,7%). Un importate ruolo è stato svolto anche dai modelli elettrificati, grazie ai quali è stato possibile incrementare le vendite del 31,8% a 192.646 unità.

Anche la casa automobilistica Renault, con all’aumento delle vendite di veicoli elettrici è riuscita a rispettare le norme imposte dall’Unione Europea. Infatti, in una nota di Boulogne-Billancourt è possibile leggere che “Groupe Renault conferma di aver raggiunto i suoi obiettivi Cafe (autovetture e veicoli commerciali leggeri) entro la fine del 2020”. Le vendite di auto elettriche sono migliorate in maniera sostanziale, ossia del 101,4% a 115.888 unità, di cui 100.657 hanno riguardato la Zoe. Ottimo risultato ottenuto anche dalle vetture con tecnologie ibride E-Tech. Tuttavia, non è stato un anno positivo per Renault in alcuni Paesi europei infatti, proprio in Francia, la casa automobilistica ha chiuso l’anno con un calo di vendite dovuto alla pandemia del coronavirus e, principalmente, dal lockdown.

Uno dei problemi che più affliggono gli automobilisti in questo periodo è quello relativo al parabrezza ghiacciato. La soluzione a tale problema – facile ed economica – è disponibile su Amazon, a questo link.