Auto

Prova, Skoda Kamiq: matura e concreta

Skoda è ormai da anni una delle realtà più solide del panorama automotive. Merito del gruppo Volkswagen alle sue spalle, che ha saputo donare un’identità precisa, togliendo alla società di Mlada Boleslav la reputazione di costruttore banale ed economico. I modelli Skoda sono oggi ai vertici per affidabilità (caratteristica sempre appartenuta) e soluzioni curiose e mai scontate.

Kamiq è un crossover compatto ma dalla grande abitabilità: merito di un’organizzazione razionale e sapiente dello spazio interno e di un generoso passo. Ottima la meccanica, l’auto si conduce facilmente e intuitivamente e il motore 1.0 litri tre cilindri benzina da 115 Cv con cambio DSG è un’architettura molto ben collaudata ed efficace nel restituire piacere di guida e bassi consumi.

Spazio e versatilità

La carrozzeria di Skoda Kamiq è percorsa da linee tese ed elementi più spigolosi. Nella zona anteriore si notano le sagome allungate e sottili dei fari, sdoppiati, che si uniscono fino all’inizio dells griglia anch’essa a sviluppo orizzontale piuttosto che verticale. Il posteriore è più rigoroso, con superfici ampie spezzate da forme muscoloso.

Il colpo d’occhio è gradevole e restituisce una sensazione di presenza e solidità su strada. Non mancano le soluzioni “simply clever”: dall’ombrellino nascosto in un vano nel pannello porta del conducente, alle protezioni a scomparsa per le portiere fino alla luce di cortesia estraibile dal bagagliaio.

Gli interni sono molto ben realizzati e le finiture sono di qualità superiore a Seat Arona e Volkswagen T-Cross (che utilizzano la medesima base meccanica). Le superfici sono rivestiti con materiali soft touch e plastiche morbide; i sedili sono ben sagomati e molto accoglienti, anche nella zona posteriore dove accolgono più che comodamente altri due adulti. Peccato che il divano non possa scorrere.

Decisamente positivo anche il giudizio sul sistema di infotelematica con schermo da 9,2″: intuitivo e dalla grafica accattivante, offre molte informazioni in modo chiaro e preciso. Molto bene anche il navigatore, fluido e reattivo. Qualche incertezza per la regolazione della climatizzazione bizona perché alcuni comandi richiedono un intervento dallo schermo rischiando di distrarre il conducente.

La presenza di tasti fisici sarebbe stata gradita. Non manca la compatibilità con l’interfaccia Apple Car Play e Android Auto. Scenografico il cruscotto digitale da 10,2″ da cui è possibile controllare ogni informazione e parametro del veicolo. Completa la dotazione di aiuti alla guida che sin dall’allestimento base offre cruise control adattativo, i fari full led automatici, i sensori di distanza posteriori, la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, il mantenimento di corsia.

Si guida piacevolmente

Sotto il cofano, il motore 1.0 litri tre cilindri benzina da 115 Cv restituisce ottime sensazioni. Brillante e fluido, è un perfetto compagno di viaggio, soprattutto per chi non percorre quotidianamente lunghe percorrenze su tratti di strada a scorrimento veloce (per via dei consumi). Benché tre cilindri, il suono metallico del propulsore non filtra all’interno dell’abitacolo, dando prova di una buona insonorizzazione.

Skoda Kamiq si trova a suo agio in ogni condizione e circostanza: lo sterzo è morbido e abbastanza preciso, la frenata incisiva e i 115 Cv spostano con agilità e senza incertezza la mole della vettura. Da riferimento il comportamento del cambio automatico a doppia frizione e sette rapporti DSG: sempre preciso e fluido nell’innestare e scalare le marce. Piacevole da condurre, Kamiq è una vettura dinamica e versatile.

Nel misto, l’auto mostra agilità e maneggevolezza e ottimi consumi: tra città e strade extraurbane, non è difficile ottenere una media di percorrenza di 18/19 km/l. Il dato si abbassa sensibilmente a 14/15 km/l in autostrada, percorso che Kamiq affronta comunque con estrema disinvoltura e comodità. I lunghi trasferimenti sono superati con serenità anche per gli occupanti che siedono in un ambiente confortevole e curato.

Molto buona la taratura degli aiuti alla guida, il cruise control adattivo funziona molto bene e il mantenimento della corsia interviene efficacemente senza risultare troppo invasivo.

Skoda Kamiq ha dimostrato di essere una vettura matura e concreta sotto molti punti di vista: solida e confortevole; tecnologica e connessa; piacevole da guidare e affidabile anche per i lunghi viaggi. La base meccanica è collaudata ed efficiente, le soluzioni “simply clever” curiose e utili. Kamiq è un’ottima alternativa ai più noti crossover: non si rinuncia a stile, qualità e piacere di guida.

Il listino e competitivo e offre sin dall’allestimento base una ricca offerta. Il motore migliore è il 1.0 tre cilindri da 115 Cv che parte da 22.390 euro. Con cambio DSG in versione Style (lo stesso della nostra prova) servono 26.090 euro. Considerando l’offera (e la concorrenza) il prezzo è onesto. La gamma motori prevede lo stesso motore con 95 Cv, un 1.5 benzina da 150 Cv, un 1.6 TDI da 116 Cv e 1.0 a metano da 95 Cv.