Tom's Hardware Italia
Auto

Renault, il futuro delle consegne è elettrico e autonomo

Renault ha presentato presso il Salone IAA Veicoli Commerciali di Hannover il veicolo EZ-PRO, un concept di robot veicolo connesso, in grado di gestire in maniera completamente autonoma tragitto e percorsi che riguardano la consegna dell'ultimo miglio. Il settore dei trasporti è forse quello più proficuo per quanto riguarda la ricerca e la sperimentazione di […]

Renault ha presentato presso il Salone IAA Veicoli Commerciali di Hannover il veicolo EZ-PRO, un concept di robot veicolo connesso, in grado di gestire in maniera completamente autonoma tragitto e percorsi che riguardano la consegna dell'ultimo miglio.

Il settore dei trasporti è forse quello più proficuo per quanto riguarda la ricerca e la sperimentazione di nuove tecnologie, per lo più se rapportato al boom degli e-commerce che hanno costretto gli operatori professionali a ottimizzare il più possibile i costi di consegna.

Il concept presentato da Renault si propone come soluzione a questo problema. È costituito da un leader pod, assistito da un facchino, e dal robot-pod, che invece è senza conducente. In questo modo l'addetto può pianificare itinerari e percorsi della consegna gestendo al meglio i diversi flussi di lavoro.

Cattura JPG

I robot-pod autonomi possono essere usati in due modi: seguire il leader-pod in modalità "platooning", formando una sorta di convoglio, oppure spostarsi in maniera completamente indipendente percorrendo l'itinerario del cosiddetto "ultimo miglio". Inoltre può essere personalizzato a seconda della merce e del volume da consegnare, in modo da soddisfare diverse esigenze degli utenti professionisti, ma anche di piccole attività.

Leggi anche: Volvo, il camion del futuro è autonomo e senza cabina

Un convoglio di robot-pod è in grado di trasportare merci differenti da diversi store online e per clienti molteplici, i quali saranno in grado anche di scegliere orario e luogo di consegna, oppure se ricevere il pacco direttamente dal concierge o farlo recapitare presso gli armadietti self-service, accessibili tutti i giorni 24 ore su 24.

8

Anche se si tratta di un progetto in fase embrionale – al momento è solo un concept – se messo in pratica potrebbe rivoluzionare le consegne, permettendo non solo recapiti più rapidi ed efficaci, ma abbattendo anche il traffico cittadino che al momento è costituito al 30% da consegne dell'ultimo miglio. Ciò porterebbe anche a una diminuzione dell'impatto ambientale e dell'inquinamento, anche acustico. Insomma un progetto molto ambizioso che speriamo di vedere un giorno realizzato.