Scenario

Amazon Business: raggiunti 25 miliardi di dollari di vendite annualizzate

Amazon Business è una soluzione per il procurement globale che oggi serve più di cinque milioni di aziende nel mondo, dalle ditte individuali alle imprese multinazionali con decine di migliaia di dipendenti con un unico account.

Dal lancio negli Stati Uniti nel 2015, Amazon Business è ora disponibile in altri otto Paesi tra cui il Regno Unito, la Germania, la Francia, l’Italia, la Spagna, il Giappone, il Canada e l’India – e ha raggiunto 25 miliardi di dollari di vendite annualizzate in tutto il mondo, più della metà delle quali da partner di vendita.

In Italia, uno dei segmenti in più rapida crescita è quello dei grandi clienti aziendali. «Serviamo più del 53% delle aziende FTSE 100. Le grandi imprese di tutti i settori – compresi il retail e l’automotive – acquistano dalla nostra selezione di centinaia di milioni di prodotti in categorie come ufficio, IT, pulizie, DPI e forniture mediche professionali».

Inoltre, Amazon Business serve 20 tra le più grandi università – I principali esempi includono: NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, Politecnico di Torino e Università Bocconi – e migliaia di organizzazioni non profit tra cui Save the Children, Mission Bambini, Solidarietà e Servizi e Fondazione Lega del Filo d’Oro Onlus.

salesforce pmi

«Con Amazon Business siamo riusciti a digitalizzare il nostro processo di acquisto per i beni indiretti. Infatti, grazie alle funzionalità di Amazon Business abbiamo ridotto il tempo e le risorse che avevamo dedicato a questa attività ed allo stesso tempo risparmiato denaro su questa tipologia di acquisti» ha detto Stefano Marcandelli, Responsabile Ufficio Acquisti, Tecnogomma International Group.

E poiché i clienti aziendali spesso utilizzano soluzioni di terze parti, tra cui sistemi di pianificazione delle risorse aziendali come SAP e sistemi di e-Procurement come Coupa e Ariba, Amazon Business si integra in più di cento di questi, per consentire l’accesso in tempo reale a milioni di prodotti, semplificare i processi di gestione delle spese e digitalizzare gli ordini di acquisto e le fatture, oltre che ridurre il costo complessivo delle operazioni.

Dato lo sviluppo della pandemia Covid-19 l’anno scorso, il procurement è stato posto al centro del processo di gestione della crisi per le organizzazioni che operavano e operano in prima linea e hanno assunto un ruolo attivo nella gestione immediata dell’impatto della pandemia.

«C’è stata una domanda senza precedenti di dispositivi di protezione individuale (DPI) e altre forniture critiche e siamo stati in grado di aiutare i nostri clienti e fornitori, consegnando con successo più di 20 milioni di articoli DPI a oltre 3.000 organizzazioni in prima linea in Europa nel fronteggiare la pandemia».

«Amazon si impegna a costruire un business sostenibile per i nostri clienti e per il pianeta. Abbiamo co-fondato il progetto Climate Pledge nel 2019, impegnandoci a raggiungere zero emissioni di carbonio in tutte le nostre attività entro il 2040 – un decennio prima dell’obiettivo redatto nell’Accordo di Parigi del 2050».