Software & Hardware

Commvault lancia nuovi prodotti e servizi per il data management

Commvault, specializzata in software per la gestione dei dati in ambienti cloud e on-premise, ha annunciato un nuovo portafoglio di prodotti e servizi per la gestione intelligente dei dati. Le novità riguardano Commvault Backup & Recovery, Commvault Disaster Recovery, Commvault Complete Data Protection e Commvault HyperScale X.

La nuova generazione di Commvault HyperScale è una soluzione scale-out integrata che offre una protezione dei dati semplice e flessibile per tutti i carichi di lavoro (compresi container, virtuali e database), scalabilità ottimizzata e protezione ransomware integrata. Prima integrazione di Hedvig con il portafoglio Commvault, HyperScale X consente ai clienti di semplificare e accelerare l’adozione del cloud ibrido.

Commvault Hyperscale X è un’appliance completamente integrata con la piattaforma di data management intelligente di Commvault. Arricchita da Hedvig, fornisce scalabilità, sicurezza e resilienza, per accelerare il percorso di trasformazione digitale di un’organizzazione nel passaggio ad ambienti hybrid cloud, container e virtualizzati. La sua architettura flessibile consente di entrare in produzione rapidamente e di crescere in base alle proprie esigenze.

Commvault Backup & Recovery mira ad assicurare la disponibilità dei dati per tutti i carichi di lavoro – compresi i container, nativi del cloud e virtuali – in ambienti cloud e on-premise, offrendo una protezione dei dati semplice e affidabile attraverso un’unica piattaforma estensibile. Come prodotto completo per il disaster recovery, Commvault Disaster Recovery consente ai clienti di garantire la continuità del business e di verificare il ripristino in ambienti cloud e on-prem, offrendo una orchestrazione semplice e automatizzata del disaster recovery, una replica flessibile e una comprovata prontezza di recupero.

Mentre la combinazione di Commvault Backup & Recovery e Commvault Disaster Recovery unisce le funzionalità di Commvault in un’unica soluzione di protezione per garantire la disponibilità dei dati e la continuità aziendale per tutti i carichi di lavoro in ambienti cloud e on-premise.

commvault

Commvault Data Governance, Discovery & Compliance e Commvault File Storage Optimization, precedentemente raggruppate in Commvault Activate, offrono ai clienti una maggiore visibilità sui dati, identificano le opportunità per migliorare lo storage e gestiscono i rischi. Sfruttando il modello di pricing semplificato, le imprese possono ora acquistare queste soluzioni in linea con le modalità di consumo delle altre offerte Commvault.

La promessa è di un maggior supporto container per la piattaforma Hedvig Distributed Storage, con i miglioramenti delle nuove API native Kubernetes di Commvault nella piattaforma di storage distribuito Hedvig. Una sottoscrizione ottimizzata visto che i clienti cercano sempre più spesso di orientarsi verso un pricing basato su OPEX e di tipo cloud e hanno bisogno della flessibilità e dell’efficienza che un modello in abbonamento.

«Stiamo rapidamente innovando per soddisfare le esigenze dei clienti in quest’era di costante cambiamento. Il portafoglio aggiornato di Commvault aiuta i clienti a gestire efficacemente il cambiamento nei loro ambienti IT ibridi» ha commentato Rajiv Kottomtharayil, Chief Product Officer di Commvault. «Le aziende devono essere sempre più agili, flessibili e scalabili e questo nuovo portafoglio affronta in modo intelligente ogni rischio di gestione dei dati presente e futuro. Da un disastro naturale, all’errore umano, fino al riscatto, i nostri clienti sono sempre al sicuro».

«L’integrazione tra il file system scalabile e resiliente di Hedvig e la più recente generazione HyperScale X di Commvault è fondamentale per garantire il successo dei clienti» ha infine detto Ranga Rajagopalan, Vice Presidente, Product Management di Commvault. «Hedvig offre un’infrastruttura dati adatta per il data center moderno e, se combinata con HyperScale X, aumenta la resilienza, le prestazioni di backup e ripristino e l’agilità proprio quando i clienti ne hanno più bisogno».