IT Pro

L’IoT comunica con Smart-Node di RADWIN

La digital transformation avanza e coinvolge sempre più ambienti privati e industry, dove è in atto la trasformazione digitale e la diffusione di dispositivi IoT. Si tratta di dispositivi che però devono comunicare ed essere gestiti in modo il più veloce ed economico possibile.

Una risposta a questa esigenza è stata data da RADWIN con lo sviluppo della soluzione Smart-Node sviluppata da RADWIN, società del gruppo RAD rappresentata in Italia da CIE Telematica.

Smart-Node è una soluzione gestita per esterni  che permette di  ridurre i costi ed accelerare il roll-out  di infrastrutture per smart city, IoT e progetti di telecomunicazione. 

Racchiude  un’ampia varietà di  modalità di alimentazione e di interfacce di rete, compreso  la fibra ottica e array d tecnologie radio che permettono di connettere  contemporaneamente dispositivi quali videocamere CCTV, Access Point WiFi e sensori IoT di varia natura e complessità.

RADWIN  Smart Node JPG
Smart Node

Obiettivo chiave nel progetto  di Smart-Node è stato quello di renderne possibile l’integrazione con dispositivi di terze parti  in modo da supportare svariate e contemporanee applicazioni e dispositivi che hanno la necessità di comunicare e che spaziano  dalla sorveglianza di ambienti urbani alla gestione intelligente dell’illuminazione, allo smart metering.

La soluzione è racchiusa in un case in alluminio , ha un fattore di forma compatto e rispetta lo standard IP-67,  che identifica dispositivi totalmente protetti contro la polvere e sabbia.

Il suo range di temperatura operativa va da -40°C a 60°C.  Ridotte le dimensioni, pari a 379(h) x 309(w) x 115(d) mm e contenuto i peso che è di 7.4Kg con alimentazione in AC e di 5.6Kg con alimentazione in DC.

A secondo dei modelli è alimentabile  a 100-240V AC o a 40-57V DC.  Per garantirne il funzionamento anche in mancanza di energia elettrica può equipaggiare  unità UPS da 2,5AH con batterie ioni-litio che assicurano il funzionamento per 120W/H o per 240W/0,5H a pieno carico.

Come opzioni  prevede anche la possibilità di alimentazione PoE, PoE+ (15W, 30W, 60W), PoE passive (24V/56V),  DC-OUT 12/24V-30W (configurabile ) nonché interfacce interne a 12V e PoE 24V/56V.

Ampie anche le alternative disponibili per la comunicazione in rete. Equipaggia di base interfacce GbE (Switch Gigabt  PoE a 5 porte) e una porta Gigabit SFP (Small Form Pluggable). A queste   si aggiungono opzionalmente  connessioni  cablate e  radio  in fibra (SFP), LAN in rame, Wireless a larga banda RADWIN Point-to-Point e  Point to Multipoint (esterna).