Tom's Hardware Italia
Software & Hardware

TeamViewer Pilot, arriva la realtà aumentata per il supporto da remoto

Ogni tecnico potrà migliorare e velocizzare le operazioni di supporto indicando ai clienti le attività da svolgere tramite il puntamento della fotocamera in AR

TeamViewer ha introdotto Pilot, una soluzione semplice e veloce per il supporto remoto con tecnologia di realtà aumentata. Sappiamo che TeamViewer permette di visualizzare sul proprio dispositivo quello di un altro strumento connesso (PC, smartphone, tablet) ma con l’AR le cose si fanno decisamente più interessanti.

L’ultima versione dell’applicazione TeamViewer Pilot, porta dunque l’integrazione di testo, disegno e indicazioni in realtà aumentata mentre si utilizza la telecamera del dispositivo ricevente su cui il chiamante può segnare ciò che vuole. Il suo utilizzo principale? L’assistenza visiva remota.

Il suo funzionamento è semplice: gli utenti scaricano l’app TeamViewer Pilot (dal Google Play Store o App Store di Apple) e, dopo aver effettuato l’accesso, possono connettersi facilmente a un altro dispositivo remoto, senza aprire un account, stabilendo una connessione audio e video, così che l’immagine dell’oggetto in questione apparirà sul computer in tempo reale.

Una volta iniziata la sessione, si avvia una comunicazione in tempo reale, da qualsiasi luogo. Per trasmettere istruzioni o aiutare in modo semplice e accurato, entrambi i partecipanti possono contrassegnare o disegnare a mano libera sullo schermo o persino fare un freeze dell’immagine per evidenziare un dettaglio specifico.

Secondo lo sviluppatore, ciò creerà nuove aree di utilizzo nel supporto business-to-customer e nel servizio clienti. Prendiamo il caso di problemi che sorgono durante l’installazione di un nuovo router: un tecnico deve andare a casa del cliente come primo passo.

Invece, grazie all’app Pilot TeamViewer scaricata sullo smartphone, proprio il tecnico potrà semplicemente valutare il problema da remoto e fornire l’assistenza necessaria.

Piattaforme del genere non sono di certo nuove anzi esistono da anni in ambito B2B. Quello che cambia è forse la democratizzazione del loro utilizzo, all’interno di un’app accessibile e con prezzi alla portata di tutti (si parte dai 9,99 euro mensili).