Libri e Fumetti

American Dirt: l’editore annulla il tour del libro di Jeanine Cummins dopo le minacce

La Flatiron Books, l’editore del controverso romanzo American Dirt di Jeanine Cummins, ha appena deciso di cancellare il tour del libro negli Stati Uniti dopo le violente minacce rivolte all’autrice e alla casa editrice stessa.

Il romanzo, che è stato tradotto in Italia dalla Feltrinelli con il titolo Il sale della terra, è stato pubblicato al di là dell’Oceano il 23 gennaio 2020, riuscendo a vendere, in una manciata di giorni, oltre 50mila copie.

Il thriller on the road American Dirt -o Il sale della terra, che dir si voglia- racconta la storia di una libraria messicana di Acapulco che cerca di raggiungere gli Stati Uniti con il figlio di otto anni dopo che i narcotrafficanti le uccidono il resto della famiglia. Per farlo, compie il percorso seguito ogni anno da moltissimi migranti centroamericani in fuga dalle violenze dei gruppi criminali e che include il viaggio su “La Bestia”, un treno merci che percorre tutto il Messico, da Chiapas fino a Tijuana, vicino al confine californiano.

Alla fulminante impennata delle vendite sono però seguite immediate ed aspre critiche al romanzo considerato, oltre che inaccurato, pregno di numerosi stereotipi nel descrivere il Messico e i messicani.

Un folto gruppo di critici di origine messicana ha infatti messo in discussione non solamente il diritto e la capacità di una scrittrice statunitense e bianca come Jeanine Cummins di poter raccontare onestamente una storia di migranti centroamericani, ma anche l’etica della casa editrice che all’autrice ha sborsato come anticipo più di un milione di dollari, prestigio di certo mai concesso per delle opere scritte da latinos.

E se a nulla sono valse le giustificazioni di Jeanine Cummins in merito alla ricerca approfondita che afferma di aver compiuto per la stesura del libro, a cercare di placare la rabbia emersa dai membri Latinx (neologismo usato per indicare la popolazione latina residente negli U.S.A.) si è esposto in prima linea Bob Miller, il presidente della Flatiron Books:

Jeanine Cummins ha trascorso cinque anni della sua vita a scrivere questo libro con l’intento di puntare i riflettori sulle tragedie che affrontano gli immigrati. Siamo rattristati dal fatto che un’opera di narrativa dalle buone intenzioni abbia portato ad un tale rancore al vetriolo.

In aggiunta alle minacce, oltre 120 scrittori, inclusi i tre creatori del movimento #DignidadLiteraria, hanno inviato una lettera firmata a Oprah Winfrey affinché rinunci a promuovere American Dirt/Il Sale della Terra nel suo programma su AppleTV+ , rimarcando sia la carente accuratezza storica del libro che l’inutilità del “complesso del salvatore bianco” dell’autrice, ovvero dello spirito missionario di qualcuno privilegiato che crede di poter aiutare chi non lo è o di poter parlare a nome suo.

 

Per leggere il controverso romanzo di Jeanine Cummins, Il sale della terra (American Dirt), cliccate qui.