Libri e Fumetti

Asterix – data di uscita italiana del 39° volume

Panini Comics annuncia la data di uscita italiana dell’attesissimo 39° Volume delle avventure di Asterix, ancora senza titolo, che arriverà sugli scaffali di fumetterie e librerie il prossimo 28 ottobre 2021 ad una sola settimana di distanza dall’uscita in Francia annunciata ieri dagli stessi autori Jean-Yves Ferri e Didier Conrad.

Asterix – i primi dettagli del 39° volume

Il 39° Volume di Asterix è il quinto firmato dalla fortunata coppia formata dai già citati Jean-Yves Ferri e Didier Conrad che hanno preso le redini della serie dal 2013 con l’albo Asterix e i Pitti del 2013 a cui è seguito Asterix e il Papiro di Cesare nel 2015, Asterix e la Corsa d’Italia nel 2017 e Asterix e la Figlia di Vercingetorige nel 2019.

Come di consueto massimo riserbo sia sul titolo che sulla trama del volume tuttavia i due autori, come una sorta di teaser, hanno concesso una tavola in anteprima:

Foto generiche

Mentre i due amici si sfidano al gioco degli scacchi gallici, il druido Panoramix, che si è leggermente assopito, si sveglia di soprassalto urlando: C*$&*?!?&$! Chi ha potuto turbare così il suo sonno e perché lo ha assalito un senso di urgenza che lo spinge ad accorrere in soccorso del misterioso personaggio? Ecco dunque i due più grandi enigmi di questo inizio di 2021: dove andranno i nostri amici galli? E soprattutto… CHI SARÀ MAI QUEL Cbiiiiiiipe? Secondo la nostra modesta opinione, tutto sembra indicare che si tratti di Cohnonsipuòdire!

Come prevede la tradizione dell’alternanza, e come conferma il druido, per la loro trentanovesima avventura quindi Asterix accompagnato dal fidato Obelix si preparano a fare un viaggio.

Asterix, la serie

Asterix fu creato da René Goscinny (testi) e Albert Uderzo (disegni) e debuttò nel 1959 sulla celebre rivista Pilote. La serie, composta finora da 38 volumi, ha venduto oltre 385 milioni
di albi ed è stata tradotta in 111 lingue e dialetti confermandosi uno dei più grandi successi dell’editoria a fumetti mondiale.

La prima striscia venne pubblicata quando in Francia era ancora vivo il ricordo dell’invasione nazista, venendo pubblicata pochi mesi dopo l’elezione di Charles de Gaulle a Presidente della Repubblica. La tenace opposizione del villaggio gallico all’invasore romano poteva facilmente ricordare la resistenza di una parte dei francesi all’occupazione tedesca.

Ambientata nell’antica Gallia al tempo di Giulio Cesare, attorno al 50 a.C., ha per protagonisti il guerriero gallico Asterix, il suo miglior amico Obelix e tutti gli altri abitanti di un piccolo villaggio gallico in Armorica (l’odierna Bretagna) che si ostina a resistere alla conquista romana grazie all’aiuto di una pozione magica preparata dal druido Panoramix, in grado di rendere invincibili. Circondato dagli accampamenti romani di Babaorum, Aquarium, Petibonum e Laudanum il piccolo villaggio gallico rimane l’unico pezzo di Gallia libero dal dominio romano. Inizialmente Asterix doveva essere l’unico personaggio principale della storia ma Uderzo insistette affinché avesse una spalla. Gli venne affiancato Obelix, un personaggio grasso, placido e gioviale che non porta ancora un menhir ma un’ascia. Durante la prima avventura ha un ruolo di contorno, limitandosi ad aspettare il ritorno del protagonista, ma Goscinny lo recupererà nelle avventure successive ridistribuendo i ruoli: Astérix diventa un eroe a tutto tondo, limitato solo dal fisico mentre i difetti franco-gallici vanno a ricadere sul suo compare Obélix, che è suscettibile, irascibile e goloso. Il villaggio è posto in Armorica, antico nome della Bretagna e per alcuni scelta come simbolo di testardaggine contadina e di ostilità contrapposta al centralismo di Parigi (da tempo infatti i bretoni chiedono maggiore autonomia), ma Goscinny affermò poi che per lui ogni posto andava bene e Uderzo scelse la Bretagna, dato che si ricordava bene dei suoi paesaggi. Il villaggio è circondato dagli accampamenti romani sopra citati, il che fa sì che spesso ne nascano degli scontri fra i due popoli; come in Lucky Luke, però, le battaglie sono incruente e a parte qualche occhio nero e qualche braccio rotto non accade nulla di irreparabile.

Asterix

Asterix in Italia

In Italia la prima apparizione di Asterix fu su Asterlinus, supplemento speciale della rivista Linus dell’aprile 1967 e contenente la traduzione italiana della storia Asterix e i Britanni. Altre storie della serie vennero poi pubblicate a puntate sempre su Linus e sulla rivista Il Mago.

La Arnoldo Mondadori Editore acquisì poi i diritti di pubblicazione pubblicando le storie del personaggio in una propria collana a partire dal 1968 che riprendeva i titoli della serie francese e della quale ha pubblicato senza una periodicità fissa tutti i 36 volumi fino al 2013. Le singole storie sono comparse anche su riviste come Il Giornalino, Linus, Il Messaggero dei Ragazzi e nella collana Oscar Mondadori. Alla Mondadori è subentrata poi Panini Comics. I principali traduttori italiani della serie sono stati Marcello Marchesi, Luciana Marconcini e Alba Avesini.

Acquista Asterix e La figlia di Vercingetorige – Edizione Deluxe da Panini Comics.