Cinema e Serie TV

Il Trono di Spade – HBO Max pensa ad un serie animata?

Continua il fermento intorno a Il Trono di Spade. Anche se la serie TV è terminata da un pezzo, non senza code polemiche ancora vive fra spettatori e addetti ai lavori circa la bontà soprattutto dell’ottava ed ultima stagione, e con i libri invece bloccati in un limbo da cui non sembrano riuscire ad uscire ovvero la penna e la mente di George R.R. Martin, la piattaforma HBO Max continua a pensare come espandere uno dei franchise più remunerativi degli ultimi anni.

Con due spin-off in pieno sviluppo entrambi prequel della serie originale, HBO Max starebbe sondando il terreno ora anche per una serie animata riservata ovviamente ad un pubblico adulto.

Foto generiche

Secondo quanto riportato nella tarda serata di ieri da THR, la dirigenza della piattaforma streaming avrebbe già avuto dei colloqui preliminari con svariati sceneggiatori ma anche con lo stesso George R.R. Martin sullo sviluppo della serie animata di modo da poterla sviluppare in maniera organica con quella che è la saga originale.

Per il momento non vengono fornite altre indiscrezioni sul progetto né tantomeno se si tratta di un prequel, di un sequel o di una storia originale ambientata nell’universo fantasy dei romanzi.

HBO Max e WarnerMedia starebbe sondando il terreno per un massiccio sfruttamento de Il Trono di Spade in maniera analoga a quanto starebbe accadendo con DC, Harry Potter e altri franchise.

Il Trono di Spade – i prequel

Come detto poco sopra, gli spin-off prequel de Il Trono di Spade in sviluppo sono due.

Il primo è House of the Dragon. La serie si baserà sul romanzo Fuoco e Sangue di George R. R. Martin, prequel letterario della serie Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che lo ha reso famoso e che narra le vicende di Westeros lungo un arco di tempo di ben 150 anni precedenti agli eventi che abbiamo conosciuto. La trama coinvolgerà il filone di eventi che ha poi inevitabilmente portato alla guerra civile dei Targaryen.

Regista della serie sarà Miguel Sapochnik (che già diresse alcuni tra gli episodi più apprezzati di Game of Thrones tra cui “La battaglia dei bastardi”), che affiancherà Ryan Condal nel ruolo di capo sceneggiatore. George R. R. Martin ha dichiarato che vorrebbe collaborare alla scrittura di qualche episodio, ma non prima di aver terminato il lavoro su The Winds of Winter (quindi, dati i trascorsi, la sua partecipazione non è da darsi per scontata).

House of the Dragon

Tra i protagonisti principali vedremo Alicent Hightower, la seconda moglie di Re Viserys, dotata tanto di grazia che di acume politico, viene descritta come “la donna più avvenente dei Sette Regni”, interpretata da Olivia Cooke (Art3mis in Ready Player One). La principessa Rhaenyra Targaryen è la primogenita del re, una bambina di puro sangue di Valyria e in quanto tale cavaliera di draghi; sarà interpretata da Emma D’Arcy (Truth Seekers). Il principe Daemon Targaryen, interpretato da Matt Smith (Doctor WhoThe CrownTerminator Genisys)  è il fratello minore di King Viserys ed erede al trono, anch’egli possiede il sangue di drago puro e pertanto può cavalcare i draghi, oltre ad essere descritto come un guerriero impareggiabile; il suo sviluppo però potrebbe riservare qualche sorpresa, del resto si dice che: “ogni volta che nasce un Targaryen gli dei lanciano una moneta in aria…”. Re Viserys I Targaryen (da non confondersi col “Re Folle” Viserys II) è stato scelto dai signori di Westeros per succedere al vecchio re, Jaehaerys Targaryen, ed è descritto come un uomo cordiale, gentile e rispettabile; sarà interpretato da Paddy Considine (Peaky Blinders, The Outsider).

Il secondo, ancora senza titolo, invece dovrebbe essere l’adattamento della serie di antologie di racconti brevi, ambientati sempre nell’universo dei romanzi principali, intitolato Tales of Dunk and Egg.

In attesa delle nuove serie acquistate Il Trono di Spade (la serie completa) in blu-ray.