Giochi di ruolo

Kids on Brooms: un gioco di ruolo per apprendisti maghi


Kids on Brooms
Editore
Need Games
Genere
Fantasy/Urban Fantasy
N. Pagine
101

Come vi raccontavamo nella recensione di Kids on Bikes, il sistema Powered by Kids on Bikes ha generato altri due titoli della stessa linea: Kids on Brooms e Teens in Space. Tutti editi da Need Games che ha portato in Italia il trio per intero, condividono come è facile intuire dal nome la stessa base in termini di motore di gioco e filosofia.

Kids on Brooms, nel nostro caso si ispira chiaramente a quel filone esploso con Harry Potter, la saga urban fantasy teen partorita dalla mente di J.K. Rowling, diventata negli anni un vero e proprio franchise-corrazzata che ha spaziato tra vari media. Non essendoci ancora un gioco di ruolo cartaceo ufficiale dedicato al maghetto con gli occhiali, sebbene numerosi hack e fanmade abbiano invaso la community, Kids on Brooms è letteralmente il gioco di ruolo per chi ha sempre sognato di portare su un tavolo avventure ispirate alla saga di cui sopra.

Prima di cominciare va detto che, come specificato prima, Kids on Brooms condivide molti elementi con Kids on Bikes, tant’è che questo manuale è leggermente più snello dell’altro. Per quanto riguarda la creazione dei personaggi, il sistema di gioco e le note sull’inserimento di temi particolari legati all’inclusività, vi rimandiamo alla recensione di Kids on Bikes per evitare di ripetere solamente concetti già noti.

Kids on Brooms | recensione

Anche Kids on Brooms è ovviamente un gioco di ruolo a creazione condivisa, e in questo caso i giocatori avranno il compito di creare una scuola di magia. Nel rievocare la propria Hogwarts personale, il gruppo di gioco dovrà rispondere ad una serie di domande descrittive che andranno a plasmare l’accademia dove si ambienteranno le avventure, creando un nome, luogo, la figura del preside, altre personalità importanti, per cosa è famosa e che tipo di lezioni si svolgono. Questo perché una delle dinamiche di gioco di Kids on Brooms è legata proprio alla vista scolastica e al rendimento delle lezioni.

Nel caso si gioco un’avventura su più sessioni, durante la creazione del personaggio sarà necessario compilare il proprio orario delle lezioni. In questo caso se il personaggio metterà in pratica ciò che apprende a scuola nelle sue avventure, potrà ottenere dei bonus alle caratteristiche relative alla lezione legata a quella classe. Preparare una pozione per sconfiggere un nemico, o sfuggire ad un pericolo a bordo di una scopa volante aiuteranno nelle relative classi di Pozioni o Volo.

Il manuale propone una lista di lezioni, ampiamente ispirate ad Harry Potter, che però possono essere modificate nel caso ai giocatori interessi avere delle lezioni di tipo diverso. Per esempio andare bene in Difesa Contro le Arti Oscure potrà garantire un bonus a Lotta, Fuga o Grinta, mentre Numerologia è legata alle caratteristiche Mente o Simpatia, o Storia della Magia che rappresenta sostanzialmente un jolly applicabile ad ogni caratteristica.

Stregoni di ruolo

Il tema della magia è ciò che contraddistingue fortemente Kids on Brooms dagli altri prodotti Powered by Kids on Bikes. Viene usato sia per raccontare la diversità, nonché integrare nel gioco tematiche che possono risultare interessanti da giocare o addirittura propedeutiche, e più banalmente per creare delle dinamiche di gioco specifiche.

Durante la creazione del personaggio, ogni mago dovrà selezionare una bacchetta magica, una scopa volante ed un famiglio da avere in dotazione.

La bacchetta è composta dal legno e dal nucleo, che aggiungono dei bonus ai lanci di incantesimi relativi ad una caratteristica specifica, mentre la scopa ha una marca e la descrizione del pilota-tipo, un modo ingegnoso per capire qual è la correlazione tra il vantaggio meccanico e il tipo di personaggio che dovrebbe usarla. La scopa della Aiutante Cuordilegno per un pilota Socievole garantisce un Segnalino Avversità ad un alleato ogni volta che si supera una prova, mentre la Fortespazza 2500 di un pilota Forte garantisce un bonus di +1 alle prove di Corpo, per esempio.

La magia in sé all’interno di Kids on Brooms non è ovviamente relegata a lunghe liste di tabelle di incantesimi. Il lancio di una magia viene effettuato allo stesso modo di una generica prova, solamente che il giocatore dovrà descrivere quello che sarà l’effetto dell’incantesimo che vorrebbe applicare, poi fare una prova di caratteristica contro un punteggio deciso dal GM.

Gioco adatto a…

Kids on Brooms, come gli altri prodotti della linea Powered by Kids on Bikes, è perfetto come sistema leggero da studiare al volo per intavolare partite in velocità. Il setting, rispetto agli altri, è più stringente, ma è perfetto se volete rievocare le atmosfere di Harry Potter che il suo riferimento sicuramente più palese, con delle variazioni nell’ambito dell’urban fantasy.

Conclusioni

Kids on Brooms è un prodotto molto valido, che ricalca ovviamente la linea solcata dai suoi cugini Powered by Kids on Bikes proponendo ancora una volta qualcosa di nuovo in termini di regolamento. Leggendolo l’impressione è che l’ispirazione da Harry Potter sia oltre che palese anche forse un vincolo, ma un narratore esperto saprà sicuramente come piegare le idee del manuale al proprio volere per la storia che desidera. Ma se siete fan del maghetto di J.K. Rowling non esiste probabilmente un altro gioco di ruolo in grado di farvi rivivere quelle avventure.

Kids on Brooms


La qualità di Kids on Brooms è direttamente affiancabile a quella di Kids no Bikes. Pur essendo un manuale meno corposo, Kids on Brooms riesce nell’intento di fornire un gioco per gli appassionati di avventure in stile Harry Potter, ma in generale di tutte quelle storie in cui la magia è un elemento centrale del racconto. Del trio dei Powered by Kids on Bikes, siamo di fronte all’esponente forse più restrittivo in quanto ad ambientazione, sebbene il sistema di gioco conceda molta libertà e possibilità di modificare collettivamente la narrazione. Ottimo per la finalità che si propone: far giocare in un mondo alla "Harry Potter" in maniera rapida e snella.

Pro

  • Sistema leggermente più snello e intuitivo di Kids on Bikes
  • Tema della magia ben inserito nelle meccaniche e nella narrazione
  • Perfetto per neofiti o giocatori giovani

Contro

  • setting di riferimento affascinante ma stringente