Eventi

Qual è l’origine dell’ anguria? Lo svela la scienza

Alcuni scienziati hanno identificato le possibili origini del Citrinus lanatus vulgaris, comunemente noto come anguria. Il nuovo lavoro di ricerca identifica il melone sudanese come progenitore dell’iconico frutto a strisce verdi, tipico della stagione estiva. L’anguria, per quello che si conosce, è originario dell’Africa ma sconosciute sono le mutazioni del frutto nel corso del tempo.

scienza

La ricerca del team, pubblicata negli dalla National Academy of Sciences (potete leggere l’articolo a questo link), fa seguito ad anni di lavoro sulla biogeografia del genere melone, Citrillus. Come ha affermato l’autore principale Susanne Renner, botanica dell’Università di Monaco, “tutti pensavano che esistessero solo quattro specie selvatiche e che l’anguria dolce che mangiamo oggi provenisse dal Sud Africa”. Nel 2015, però, uno dei suoi studenti allora laureandi, Guillaume Chomicki, ha scoperto, attraverso il sequenziamento del DNA di diversi esemplari presenti in tutta l’Africa, che il sospetto antenato dell’anguria nel sud era solo un lontano parente.

“Da lì, una cosa tira l’altra”, ha detto Renner, e i ricercatori sono appena atterrati sul melone del Kordofan come l’origine genetica più probabile per l’anguria moderna.

scienza

Tracciare la discendenza dell’anguria in Sud Africa è stato il risultato di una serie di errori, ha detto Chomicki, ora botanico presso l’Università di Sheffield nel Regno Unito. Circa centocinquanta anni dopo che un discepolo del tassonomista Carl Linneaus raccolse e nominò una nuova varietà di anguria vicino a Città del Capo, chiamandola Citrullus lanatus, un botanico americano riuscì a comprendere la correlazione con i cocomeri, che condividono lo stesso nome. “Da questo momento in poi, l’idea generale era che l’anguria provenisse dal Sud Africa”, ha detto Chomicki.

Le angurie e i loro arcaici predecessori non tendono a fossilizzarsi, quindi non lasciano tracce, il che ha ulteriormente oscurato le vere origini del frutto. I ricercatori hanno quindi sequenziato geneticamente campioni di anguria presenti in un erbario e li hanno confrontati con il DNA estratto da un frutto selvatico in Sudan, il melone del Kordofan. Hanno trovato circa 16.000 varianti strutturali genetiche tra le due piante e hanno mappato quelle differenze su tratti specifici di ciascun frutto.

scienza

“Sappiamo che i cocomeri grandi e lunghi venivano mangiati crudi 4.360 anni fa ed erano presenti in Egitto, grazie all’iconografia antica”, ha detto Chomicki, “ma i disegni sono di frutta intera, e quindi non possiamo sapere se fossero già rossi”.

Senza prove materiali, i ricercatori hanno fatto affidamento su una combinazione di ricerca genetica e contesto storico. I campioni di melone utilizzati dal team provenivano dal Darfur, che un tempo era la Nubia. Renner ha affermato che è possibile che il frutto sia stato coltivato in Nubia e che poi abbia risalito il Nilo attraverso il commercio. Renner ha affermato che è probabile che i meloni siano cambiati indipendentemente dall’agricoltura umana, sulla base di numerosi cambiamenti a livello genetico tra 4.000 e 6.000 anni fa. “Nel 1800, era comune trovare cocomeri a polpa bianca negli Stati Uniti”, ha detto Renner, “ma a causa degli sviluppi dell’agricoltura aziendale e della domanda pubblica, sono stati quasi eliminati”. Alcune di quelle angurie sono ancora in giro, anche se è molto difficile trovarle dal fruttivendolo.