Libri e Fumetti

X-Men: le storie per conoscere al meglio i mutanti Marvel

Un gruppo di supereroi nato nel 1963, quanti nemici può aver sconfitto? Quante storiche avventure può aver vissuto? Se si parla di personaggi come gli X-Men, gli amati mutanti di casa Marvel, una carriera di quasi sessant’anni inevitabilmente porta a dover scegliere tra una miriade di grandi storie che hanno segnato profondamente questi personaggi. All’interno del Marvel Universe, i pupilli di Xavier sono sempre stati particolarmente adatti per interpretare storie che, oltre ad approfondire il contesto della serie, hanno il coraggio di cimentarsi con temi coraggiosi e contemporanei, vicini alle tematiche tipiche degli X-Men.

Quali sono le migliorie storie degli X-men? Ecco i nostri consigli

Firmate da grandi nomi della storia del fumetto, capaci di segnare nel profondo l’evoluzione dei mutanti e influenzare spesso anche il resto del Marvel Universe. Scegliere le migliori storie dei Figli dell’Atomo non è facile, ma alcuni capitoli della storia degli X-Men sono divenute monumenti del fumetto. Ecco i nostri consigli per scoprire le più emozionanti imprese degli X-Men.

La saga di Fenice Nera

saga fenice nera

Probabilmente la saga più amata e conosciuta degli X-Men. Firmata da uno dei più celebri interpreti del mito dei mutanti Marvel, Chris Claremont, la Saga di Fenice Nera è un capitolo essenziale della storia mutante. Nei primi anni della rinascita mutante, Claremont intuì di dover dare alla figura di Jean Grey una nuova caratura, rendendola un personaggio femminile forte, introducendo la Fenice, entità galattica temuta e capace di seminare morte e rinascita, appellandosi all’anima ‘spaziale’ degli X-Men. Claremont utilizza questa storia per presentare in modo differente la figura dell’eroina, dando a Jean un’identità nuova che sarebbe tornata, nei decenni successivi, a sconvolgere nuovamente la vita degli X-Men.

Giorni di un futuro passato

futuro passato

La prima vera grande saga degli X-Men, pubblicata all’interno della serie regolare dei mutanti. In un futuro non troppo lontano, le Sentinelle hanno soggiogato l’umanità, dando la caccia ai mutanti e relegando i pochi sopravvissuti in campi di concentramento. In un disperato tentativo di impedire l’evento scatenante che porterà alla quasi estinzione dei mutanti, la coscienza della ‘vecchia’ Kitty Pryde viene rimandata indietro nel tempo nel suo corpo più giovane, per convincere gli X-Men a impedire alla Confraternita dei Mutanti Malvagi di uccidere il senatore Kelly, principale detrattore dei mutanti.

Claremont scrive una storia in cui temi di un certo spessore, come razzismo e critica a pagine buie della storia moderna, trovano spazio all’interno del medium fumetto, presentando un futuro cupo e disperato, contrapposto da un presente in cui la speranza e l’impegno nel non cedere alla paura e all’odio guidano i protagonisti nel mantenere salda la loro rotta.

Seconda genesi

seconda genesi 3

Dopo una prima vita editoriale non fortunata, gli X-Men vissero anni di oblio, causa una scarsità di vendite che spinse la Marvel a chiudere la pubblicazione. La nuova speranza per i mutanti venne quando Marvel decise di riportarli in edicola, all’interno di un progetto per lanciare anche nei mercati esteri, che prevedeva la presenza di eroi di diverse nazionalità.

Affidato a Len Wein e Dave Cockrum, Seconda Genesi divenne la storia che diede ai mutanti una seconda chance, iniziano un percorso che ha portato la testata a diventare una delle serie di punta della Marvel. In questa storia fecero la loro comparsa personaggi come Nightcrawler, Tempesta e Colosso, e un personaggio già visto in altri fumetti, Wolverine, diventa parte del mondo mutante. Con Seconda Genesi gli X-Men iniziarono la loro ascesa verso l’olimpo dei grandi personaggi dei fumetti.

L’Era di Apocalisse

era di apocalisse

Dopo aver raccontato un potenziale futuro in Giorni di un futuro passato, con L’Era di Apocalisse si prese una direzione diversa, dando vita ad una realtà parallela che, anche negli anni seguenti, fu l’origine di personaggi e storie importanti per il mito degli X-Men.

Quando Legion, figlio schizofrenico di Xavier dotato di incredibili poteri mentali, torna indietro nel tempo per uccidere Magneto, per errore elimina il padre, privando i mutanti della visione positiva di Xavier, portando alla comparsa di un mutante antico, capace di sottomettere la Terra e imporre la volontà mutante: Apocalisse.

Guidata da Scott Lobell, un team di artisti diede vita a versione alternative dei mutanti addestrati da Xavier, mantenendone i poteri ma dando loro una diverso carattere, più in linea con questa realtà violenta e cupa.

Genesi Letale

genesi letale

Negli anni, Xavier è sempre stato visto come un personaggio positivo, ma dietro questa sua aura di mentore, può nascondersi qualcosa? Ed Brubaker, nel momento in cui prese in mano la gestione degli X-Men, decise di scrivere un capitolo mai narrato della storia dei mutanti, inserendosi tra la prima formazione dei pupilli di Xavier e i nuovi X-Men creati da Len Wein in Seconda Genesi.

Brubaker racconta una storia di vendetta, causata dalla sregolatezza di Xavier nel reclutare giovani mutanti per salvare i suoi primi allievi, prigionieri su Krakoa. Ma cosa accadde realmente a questa squadra perduta? Solo con il ritorno sulla Terra di uno dei sopravvissuti di quei dimenticati eroi, la verità finalmente affiora, sconvolgendo la vita dei mutanti e segnando un profondo solco tra Xavier e le figure storiche del mondo mutante

Dio ama, l’uomo uccide

dio ama l'uomo uccide 6

La prima grande innovazione narrativa degli X-Men, nata all’interno del progetto Marvel di dare vita ad una serie graphic novel che esaltasse i personaggi della Casa delle Idee: Dio ama, l’uomo uccide. Claremont decise di raccontare una storia cupa, violenta, in cui i mutanti vengono messi in crisi da un nemico tremendo, il reverendo Stryker, che con i suoi fedeli intendono eliminare la minaccia mutante.

Unendo razzismo ed integralismo religioso, Claremont mostra tramite i mutanti uno spaccato della società americana del periodo, costruendo uno dei capitoli centrali nel mito degli X-Men, capace di influenzare anche le trasposizioni cinematografiche dei mutanti.