Monitor

Angoli di visione, uniformità, risposta, lag e test giochi

Pagina 5: Angoli di visione, uniformità, risposta, lag e test giochi

Anche se i potenziali acquirenti potrebbero storcere il naso per l'uso di un pannello TN in un monitor gaming premium, il PG248Q punta tutto sulla velocità. Gli angoli di visione, però, non sono il punto forte dei monitor TN.

PG248Q viewing

Questo pannello è in linea con tutti i prodotti TN che abbiamo recensito, con una tinta verde/rossa e una fuga di luce del 50% ai lati e cambiamenti nella gamma se vista dall'alto. In quella foto si comporta leggermente meglio rispetto alla maggior parte preservando un po' di dettaglio. Potete ancora vedere tutti i passaggi di luminosità.

Uniformità schermo

asus pg248q test 19
asus pg248q test 20
asus pg248q test 21

Il PG248Q finisce a centro gruppo in tutti i test sull'uniformità. Come sempre, vi ricordiamo che questo test è specifico del sample che abbiamo provato. Non abbiamo incontrato problemi visibili. I test di luminanza hanno mostrato una zona centrale leggermente più luminosa rispetto al resto, ma nulla di realmente visibile. L'uniformità colore è abbastanza buona che gli errori sono completamente invisibili.

Risposta pixel & input lag

asus pg248q test 22
asus pg248q test 23

180 Hz sono migliori di 160 Hz? Secondo la nostra videocamera a 1000 FPS, no. Il disegno a schermo è in linea con gli altri per quanto riguarda la latenza degli input. A queste velocità persino il più veloce dei giocatori non potrà percepire il lag. È quello che è successo a noi con ogni gioco testato. Il PG248Q è fluido e veloce.

Gaming con G-Sync, 180 Hz e ULMB

I migliori monitor da gioco devono raggiungere un semplice obiettivo: portare il giocatore nel mondo di gioco e fargli dimenticare l'hardware su cui sta giocando. Quando il movimento è fluidissimo e libero da problemi come ghosting e tearing, e l'input lag è inesistente, avete una situazione senza pari. È quella che abbiamo sperimentato giocando sul PG248Q.

Tomb Raider è un grande gioco che funziona bene su un'ampia varietà di sistemi, specie sulla nostra configurazione con GTX Titan X. Siamo stati in grado di raggiungere il massimo livello di dettaglio e toccare frame rate sopra i 120 con regolarità – non siamo mai scesi sotto i 110 FPS, malgrado l'intensità dell'azione a schermo. Non abbiamo percepito lag di sorta: il mouse, come lo schermo, è scomparso ed è semplicemente diventato un'estensione del cervello.

Far Cry 4 e Battlefield 4 si sono comportati più o meno allo stesso modo. Grazie alla risoluzione Full HD del PG248Q, siamo riusciti a impostare i dettagli al massimo e godere di un gameplay sopra i 100 FPS. Con uno schermo da 24 pollici non abbiamo mai sentito la mancanza delle risoluzioni maggiori offerte dai pannelli QHD e UHD. In un confronto fianco a fianco siamo riusciti a identificare delle differenze solo in assenza di movimento a schermo. Una volta che l'azione prendeva il via, i pixel extra servivano solo a rallentare il framerate. L'immagine non è apparsa in alcun modo migliore durante il gameplay.

Per dare a ULMB l'attenzione che merita abbiamo provato a impostare un refresh rate massimo di 120 Hz. Poiché il numero degli FPS era a quel livello o molto vicino, non abbiamo visto troppo tearing. Le velocità più alte mitigano quell'artefatto molto bene. Non abbiamo sentito la mancanza di un maggiore contrasto e luminosità. La percezione di profondità e dimensionalità è più importante per l'esperienza della risoluzione. E poiché il motion blur non esiste con ULMB spento, non vediamo ragione di usarlo.