Tom's Hardware Italia
Software

Dell ti fa pagare 20 euro per installare Firefox

Fa discutere l'opzione offerta da Dell, che chiede 20 euro per installare Mozilla Firefox.

Dell si fa pagare quasi 20 euro per installare il browser Firefox sui nuovi computer, almeno in Gran Bretagna – dove il prezzo visualizzato è 16,25 sterline (19,7 euro). La Fondazione Mozilla non ne è affatto contenta, visto che il browser è gratuito, ma i portavoce di Dell hanno una spiegazione per questa insolita scelta.

"All'utente non si fa pagare il download di Mozilla Firefox, ma il tempo e il lavoro del personale che deve caricare un'immagine diversa (del sistema, NdR) rispetto a quella standard", ha infatti spiegato un rappresentante di Delle in una mail.

A questo punto è meglio fare chiarezza, anche perché lo store italiano di Dell non offre la stessa possibilità: se il cliente chiede l'installazione di Firefox per il suo nuovo PC i tecnici dell'azienda non fanno quello che farebbe ognuno di noi, cioè scaricare e installare il browser di Mozilla. Invece, a quanto si capisce dal messaggio, si procede all'installazione di un'immagine alternativa che include il sistema operativo, tutti i software previsti e anche Firefox.

Dell in questo modo non viola i termini d'uso di Mozilla in effetti, perché non sta vendendo il software ma, come hanno spiegato, la manodopera. Probabilmente se la fa pagare anche troppo, ma non è questo il punto: almeno per un modello il compratore avrà l'impressione che Firefox costa 20 euro circa. Comprensibile che qualcuno non gradisca.

E poi è curioso il semplice fatto che l'opzione esista, perché un cliente che conosce Firefox e vuole usarlo probabilmente sa più che bene come scaricarlo e installarlo, persino usando Internet Explorer. Ma allora a chi si rivolge questa proposta di Dell? A qualcuno che ha sentito parlare del browser Mozilla ma che non ha la minima idea di cosa sia e come procurarselo?

Può darsi, ma dovrebbe essere qualcuno che non fa nemmeno lo sforzo di chiedere a un amico o un collega, né tantomeno di fare una semplice ricerca online. Insomma quell'opzione è sì fastidiosa, ma potrebbe cascarci solo qualcuno che forse se l'è proprio cercata, la presa in giro.