Raffreddamento

EK pensa ai professionisti con questi waterblock per GPU

EK, nota azienda per la produzione di componenti per il water cooling, ha da poco rilasciato una nuova intera gamma di waterblock pensata per alcune GPU, sia Nvidia che AMD, dedicate al mondo workstation e server. Ciò include diversi modelli di Nvidia Quadro e Tesla e AMD Radeon Pro WX. Tutti questi waterblock si estendono per tutta la lunghezza del PCB della scheda grafica in modo da poter raffreddare in maniera adeguata tutti i componenti critici e che generano molto calore. Questo lancio rappresenta uno dei primi grandi passi di EK verso il mercato enterprise e sicuramente, nel corso dei prossimi mesi, vedremo alla luce nuovi prodotti pensati per le workstation.

Ogni waterblock progettato e realizzato da EK è in grado di raffreddare direttamente sia GPU, VRAM e VRM, questo perché il liquido viene incanalato e indirizzato direttamente su queste aree, esattamente come avviene nei waterblock per le schede video da gaming. La geometria del jet plate e la struttura delle alette, sono state ottimizzate in modo da fornire una distribuzione del flusso uniforme con perdite minime in modo da mantenere le prestazioni ottimali, anche in caso di inversione del flusso. Il waterblock è inoltre studiato in modo da creare una bassa resistenza al flusso e quindi garantire la possibilità di utilizzarli con pompe poco prestanti o che hanno un basso regime di rotazione, il tutto mantenendo delle ottime prestazioni.

La base del waterblock – quella a diretto contatto con la scheda video – è di rame elettrolitico nichelato lavorato a CNC, mentre la parte superiore è in acciaio inossidabile lavorata al laser, in modo da offrire una maggior durata rispetto ad altri materiali come il plexiglas, che troviamo spesso nei waterblock per i nostri sistemi da gioco. Grazie all’utilizzo dell’acciaio come materiale per la parte superiore, essa risulta essere molto più sottile e quindi ha permesso agli ingegneri di EK di aumentare le dimensioni della base del waterblock, così da renderla più resistente nel tempo. Il terminale, la parte dove andremo ad avvitare i raccordi da ¼”, è parte integrante della base in rame del waterblock, il tutto focalizzato per garantire la massima affidabilità richiesta dal mercato dei professionisti. Gli O-Ring sono tutti in EPDM di alta qualità, in modo da garantire una miglior tenuta stagna e avere una maggior durata nel corso del tempo.

Per offrire una maggiore stabilità alla scheda grafica lo shield I/O, dove andremo a fissare la scheda al case, è parte del waterblock: questo significa che dovremo andare a sostituire lo shiled originale.

L’azienda oltre ai waterblock ha presentato anche una serie di backplate in alluminio lavorato a CNC, di alta qualità, compatibile con le schede video Nvidia RTX e AMD Radeon Pro WX 9100. I backplate coprono l’intera lunghezza del PCB delle schede grafiche e, oltre alla funzione estetica, fungono anche da dissipatore passivo per il retro della GPU.

Tutti i waterblock della linea EK-Pro e i relativi backplate, sono pienamente compatibili con i bridge Nvlink.

Come per la linea gaming, anche i prodotti della serie PRO sono prodotti in Slovenia. I waterblock della serie Pro sono già disponibili all’interno dello shop di EK, mentre i backplate sono in fase di pre-ordine. Di seguito potete vedere i prezzi per ogni singolo waterblock e backplate.

  • EK-Pro GPU WB RTX 8000 – Ni + Inox 249.90€
  • EK-Pro GPU WB RTX 6000 – Ni + Inox 249.90€
  • EK-Pro GPU WB RTX 4000 – Ni + Inox 189.90€ 
  • EK-Pro GPU WB RTX 2080 Ti – Ni + Inox 189.90€ 
  • EK-Pro GPU WB WX9100 – Ni + Inox 189.90€ 
  • EK-Pro GPU WB RTX Backplate – Black 44.90€
  • EK-Pro GPU WB RTX 4000 Backplate – Black 39.90€
  • EK-Pro GPU WB WX9100 Backplate – Black 44.90€

Se siete alla prime armi ma volete creare un custom loop per la vostra CPU, date un occhio al kit di EK con radiatore da 360 al prezzo di 328,61 euro su Amazon.