Tom's Hardware Italia
Periferiche di Rete

10 nanometri, DDR5 e PCIe 5.0 in un prodotto Intel, ma non è una CPU

Intel ha presentato l'FPGA Agilex, una soluzione a 10 nanometri pensata per essere a prova di futuro grazie al supporto DDR5, PCIe 5.0, HBM e Optane DC Persistent Memory.

Da qualche anno Intel è entrata nel settore degli FPGA (field programmable gate array) grazie all’acquisizione di Altera per 16,7 miliardi di dollari. L’azienda ha poi ulteriormente perfezionato il suo impegno con l’acquisizione di eASIC. Gli FPGA sono soluzioni hardware programmabili via software per adattarsi meglio alla gestione di determinati carichi di lavoro come l’analisi dei dati e il machine learning.

In queste ore la casa di Santa Clara ha presentato la sua prima vera gamma di FPGA progettata internamente: si chiama Agilex e ha alcune caratteristiche che sicuramente farebbero bella mostra nei microprocessori dell’azienda. Anzitutto, il processo produttivo a 10 nanometri, ma anche il supporto alle memorie DDR5 e all’interconnessione PCI Express 5.0.

Questa nuova gamma di prodotti arriverà nel corso del terzo trimestre offrendo fino al 40% di prestazioni in più (o il 40% di consumi in meno) rispetto alla precedente gamma Stratix 10. Si parla inoltre di un massimo di 40 TFLOPs per quanto concerne le prestazioni DSP e il supporto a tecnologie sia presenti che future grazie alla tecnologia eterogenea 3D SiP.

Intel può quindi integrare componenti analogici, memoria, chip di calcolo personalizzati, interconnessioni di I/O custom e altre soluzioni in un singolo package accanto all’FPGA. Agilex supporta Compute Express Link (CXL), la nuova tecnologia d’interconnessione ad alta velocità pensata per i datacenter di prossima generazione.

Si parla inoltre di compatibilità PCIe 5.0, supporto a transricevitori con data rate fino a 112 Gbps e memorie di tipo DDR5, HBM, Intel Optane DC Persistent Memory. Agilex sarà disponibile in tre versioni differenti (F, I e M) e supporterà One API, l’ambiente di programmazione eterogeneo pensato da Intel per semplificare la programmazione lungo l’intera gamma dei suoi prodotti.