CPU

Il nuovo Core i9-9900KS di Intel ha un TDP di 127 watt?

Il Core i9-9900KS sta arrivando (nel corso di ottobre), non solo perché l’ha detto Intel, ma anche perché i produttori di schede madre stanno aggiornando i BIOS per supportarlo. Del nuovo processore a otto core Coffee Lake Refresh si sa tutto o quasi, ma c’era un particolare di rilievo ancora inedito: il TDP.

Ed è proprio grazie ai BIOS distribuiti dai produttori – in particolare Asus – che emerge quel dato: 127 watt. Anche se l’informazione non può ritenersi ufficiale, poiché non è stata diffusa da Intel, è lecito e logico pensare che l’azienda taiwanese conosca bene il modello in questione e abbia ricevuto tutte le informazioni necessarie dal partner, altrimenti non avrebbe potuto realizzare un BIOS in grado di supportarlo.

127 watt è un valore considerevolmente più alto, oltre 30 watt, rispetto alle proposte di punta mainstream attuali, ferme a 95 watt. Non si tratta del consumo effettivo del processore, ma come da definizione del TDP è un valore che indica il calore (energia) che un microprocessore dissipa e che il sistema di raffreddamento deve smaltire per consentire al processore di operare entro una temperatura di sicurezza.

Va inoltre aggiunto che al valore di TDP indicato Intel garantisce solo il funzionamento alla frequenza di base e quindi, quando il processore si troverà a lavorare a clock superiori, i watt raggiunti saranno effettivamente più elevati.

A ogni modo, chi vorrà acquistare un Core i9-9900KS dovrà avere una scheda madre con un VRM in grado di erogare 127 watt e un sistema di raffreddamento capace di gestire agevolmente quel “carico” e ben oltre, visto che il processore richiederà più energia per raggiungere le frequenze di punta.

Intel Core i9-9900KS

In commercio vi sono molte schede madre e dissipatori che possono far esprimere al meglio un prodotto come il Core i9-9900KS, quindi molti di voi potrebbero avere nel case già quello che serve.

Per concludere, un riepilogo delle caratteristiche del nuovo processore che ricordiamo arriverà nel corso di ottobre: come il Core i9-9900K avrà 8 core e 16 thread, con la differenza fondamentale segnata dal numero di core attivi in Turbo Boost. Il KS può infatti toccare i 5 GHz con tutti i core attivi, mentre il 9900K raggiunge tale frequenza con un solo core attivo (il Turbo boost all-core si ferma a 4,7 GHz). Il Core i9-9900KS avrà inoltre una frequenza base di 4 GHz, contro i 3,6 GHz del 9900K.

Al momento i produttori di schede madre stanno procedendo all’update dei BIOS per supportare la nuova CPU top di gamma, partendo dalle motherboard Z390. Non è chiaro se il chip sarà supportato anche da schede madre con chipset differenti, come Z370 o alcune B360. Rimaniamo in attesa del prezzo, ma per quello aspettiamo informazioni ufficiali da parte di Intel. Al momento il Core i9-9900K ha un prezzo di listino di 488 dollari, su Amazon potete trovarlo in questo momento a 480 euro.