Schede Grafiche

NVIDIA OC Scanner si aggiorna per le schede della serie GeForce RTX 30

L’algoritmo di overclock automatico di NVIDIA, OC Scanner, ha subito alcune modifiche inerenti al suo funzionamento ed alla sua integrazione in utility come MSI Afterburner ed EVGA Precision X1, risolvendo alcuni problemi riscontrati in precedenza dagli utenti. In particolare, l’ultimo changelog relativo all’ultima versione beta di MSI Afterburner ha messo in evidenza tutti i cambiamenti apportati a OC Scanner.

Nvidia copertina

Prima di tutto, OC Scanner è ora integrato direttamente nei driver di NVIDIA, invece di essere implementato nei programmi di overclock. Ciò consente a NVIDIA di aggiornare OC Scanner senza la necessità di contattare i programmatori di ciascuna utility e convincerli ad aggiornare il proprio software. Il software di terze parti comunicherà con OC Scanner tramite NVAPI.

OC Scanner ora supporta l’overclock automatico sia della GPU che della memoria grafica. L’utility salverà e applicherà gli overclock a livello di driver automaticamente al riavvio e questo eviterà di lasciare in esecuzione altri programmi di overclock in background. Queste modifiche risolvono molti problemi avuti con l’originale OC Scanner, offrendo una migliore stabilità e risultati di overclock identici su tutte le utility.

In particolare, questa soluzione dovrebbe offrire buone performance sulle nuove GPU Ampere di NVIDIA in quanto sono molto limitate in termini di potenza e faticano a mantenere la stabilità sopra i 2GHz. Le GPU hanno intrinsecamente un’eccellente efficienza a velocità di clock inferiori e tensioni più basse e, di conseguenza, OC Scanner ne trarrà vantaggio mantenendo la frequenza della GPU più stabile e consentendo al clock di scendere meno quando si inizierà a raggiungere il limite di potenza o il limite di temperatura.

Coloro che desiderano provare in prima persona l’ultima versione di OC Scanner non dovranno far altro che installare i driver NVIDIA 456.xx o superiori e MSI Afterburner 4.6.3 Beta 2 o EVGA Precision X1. Per ora, stando al changelog di EVGA Precision X1, sembra che le GPU Ampere siano le uniche supportate, ma speriamo che questo sia solo una situazione temporanea e che funzionerà in futuro anche alle schede grafiche basate sull’architettura Turing.

Il PSU Corsair RM750x è un ottimo alimentatore certificato 80 Plus Gold, perfetto se avete intenzione di passare alla serie RTX 30. Lo trovate in offerta su Amazon.