Schede Grafiche

Nvidia Tesla K80, nuova scheda acceleratrice dual-GPU

Nvidia rilancia nel mondo dei supercomputer con la nuova Tesla K80, che l'azienda non esita a definire "la scheda acceleratrice più veloce al mondo per l'analisi dati e il calcolo scientifico". Questo perché mentre la precedente Tesla K40 è dotata di una GPU GK110 con 2880 CUDA Core, la Tesla K80 è una scheda dual-GPU, basata su due GK210 (revisione di GK110) con 2496 CUDA core per un totale di 4992 unità. A colpire però è la quantità di memoria complessiva, 24 GB (12 GB per GPU), il doppio di Tesla K40. Il bus è a 384 bit (x 2).

Nvidia Tesla K80

Clicca per ingrandire

Questa soluzione mette a disposizione 2,9 teraflops di con calcoli in virgola mobile a doppia precisione (circa 8,7 teraflops a singola precisione) e un bandwidth di 480 GB/s. Si tratta di un bel salto in avanti rispetto agli 1,43 teraflops raggiunti dalla Tesla K40 e di una potenza tale che di media è dieci volte superiore a quelle di una GPU in molti campi d'uso, dai benchmark alle applicazioni reali.

Nvidia Tesla K80

Clicca per ingrandire

La Tesla K80, come altre soluzioni analoghe di Nvidia, è compatibile con le piattaforme x86, Power 8 e ARM a 64 bit, consentendo quindi modelli di programmazione comuni anche su più CPU. Cray, Dell, HP e Quanta saranno i primi a realizzare HPC con Tesla K80, chi usandone otto per nodo come nel caso del CS-Storm di Cray o dell'HP SL270, chi quattro.

Nvidia Tesla K80

Clicca per ingrandire

Oltre al nuovo prodotto Nvidia ha anche fatto il punto su NvLink, un'interconnessione ad alta velocità che nasce con l'obiettivo di permettere a GPU e CPU di condividere i dati fino a 12 volte più velocemente (si parla di un bandwidth aggregato di 20 GB/s) rispetto a quanto possano fare oggi.

Nvidia Tesla K80

Clicca per ingrandire

Ebbene, si parla di debutto nel 2016, ma anche di capacità di far lavorare più GPU insieme per offrire prestazioni fino a cinque volte superiori rispetto al PCI Express 3.0 x16 e prestazioni effettive più di due volte maggiori. NvLink permetterà anche configurazioni inedite per i server di prossima generazione.