Tom's Hardware Italia
CPU

Oracle abbraccia i processori AMD EPYC per le istanze di Oracle Cloud

I processori AMD EPYC entrano nell'offerta Cloud di Oracle. L'annuncio all'Oracle OpenWorld 2018.

Anche Oracle apprezza i processori EPYC di AMD. Forrest Norrod di AMD e Clay Magouyrk di Oracle hanno annunciato nel corso dell’Oracle OpenWorld 2018 la disponibilità delle prime istanze di Oracle Cloud basate su EPYC.

Le istanze di calcolo della serie “E” comprendono i servizi bare metal/VM e garantiscono un elevato numero di core, grande capacità di memoria e di I/O senza tralasciare le funzionalità di sicurezza integrate nei processori EPYC. Un’istanza bare metal standard, BM.Standard E2.52, offre due EPYC 7551 a 2 GHz, con 512 GB di memoria DDR4, due connessioni SERDES da 26GB e fino a 1PB di storage remoto. Un’altra offerta è l’istanza E2.64, che offre 16 core.

Secondo AMD, si tratta di una delle istanze più convenienti disponibili su cloud pubblico, con 0,03 dollari / ora, circa il 66% in meno di media per core rispetto alle istanze di uso generale offerte dalla concorrenza. È inoltre più conveniente delle istanze disponibili su qualsiasi cloud pubblico.

“Con il lancio dell’istanza AMD, Oracle ha dimostrato ancora una volta che siamo focalizzati nell’ottenere il miglior valore e prestazioni per i nostri clienti”, ha dichiarato Clay Magouyrk, vicepresidente senior per lo sviluppo software di Oracle Cloud Infrastructure. “Con una velocità superiore ai 269 GBps, la piattaforma AMD EPYC offre la larghezza di banda di memoria più alta rispetto a qualsiasi istanza di cloud pubblico. Insieme a un aumento delle prestazioni, questi vantaggi in termini di costi aiutano i clienti a massimizzare i soldi spesi nel passaggio al cloud”.

Oltre all’offerta costituita dai server bare metal, si parla anche di macchine virtuali a uno, due, quattro e otto core, arrivando a occupare un die delle CPU Zeppelin. Versioni a 16 e 24 core arriveranno nella prima metà del 2019. Con 64 core per server e fino al 33 percento di canali di memoria in più rispetto alle istanze x86 comparabili, l’istanza Standard E2 è ideale – secondo Oracle – per l’analisi dei dati che richiede un maggior numero di core e un bandwidth di memoria maggiore.

“All’interno dell’ecosistema Hadoop, AMD collabora con molti dei principali fornitori tra cui Cloudera, Hortonworks, MapR e Transwarp. Su una sessione completa di Terasort da 10 TB l’istanza AMD ha dimostrato fino al 40% di risparmio in termini di costi per Terasort rispetto ad altre istanze x86”, sottolinea AMD.

Nel settore HPC il bandwidth di memoria maggiore dell’istanza EPYC è adatto a carichi come la fluidodinamica computazionale, la simulazione e l’analisi degli incidenti nei settori aeronautico e automobilistico e l’esplorazione di petrolio e gas. In una simulazione Fluid CFD (computational fluid dynamics) a 14 milioni di celle su un velivolo alato risolta su 4 Nodi, l’istanza basata su EPYC ha dimostrato una riduzione fino al 30% del costo totale, abbinata a una riduzione dei tempi di esecuzione complessivi.

Queste istanze sono generalmente disponibili nell’est degli Stati Uniti, nell’area di Ashburn, ma lo saranno anche a Londra entro la fine di ottobre e in altre regioni degli Stati Uniti e dell’Europa prima della fine dell’anno.