CPU

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 – Recensione

Il momento è finalmente arrivato: AMD ha introdotto le nuove CPU della famiglia Ryzen 3, nello specifico i modelli Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100. I nuovi processori fanno parte della gamma Ryzen 3000 e quindi, esattamente come i fratelli maggiori, sono basati su architettura Zen 2 e processo produttivo a 7 nanometri. 

I nuovi Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 vanno a posizionarsi nella fascia medio-bassa del mercato, finora lasciata scoperta da AMD per quanto concerne le proposte della famiglia Matisse. In questa nicchia ad oggi abbiamo a disposizione processori validi, ma senza caratteristiche tecniche particolarmente esaltanti; i nuovi Ryzen 3 puntano a rivoluzionare il settore con configurazioni 4 core / 8 thread, supporto al PCI-Express 4.0 e altre caratteristiche di alto livello.

I Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 ereditano tutti i vantaggi già visti negli altri componenti della serie 3000: IPC migliorato del 15%, cache più grande, compatibilità con socket AM4 e design chiplet. A questo proposito, i due nuovi Ryzen 3, nonostante offrano entrambi 4 core e 8 thread, strutturalmente sono profondamente diversi: il Ryzen 3 3100 presenta una un CCD con due core attivi per CCX, offrendo quindi un design “2+2”. il Ryzen 3 3300X ha invece un design “4+0”, ossia con tutti e quattro i core attivi all’interno di un solo CCX. Queste differenze garantiscono al Ryzen 3 3300X una latenza core-to-core inferiore rispetto al Ryzen 3 3100 e una cache unificata per tutti i core e thread, caratteristiche che si traducono in prestazioni superiori.

Specifiche tecniche Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100

Abbiamo già anticipato che le due CPU offrono 4 core con SMT arrivo, ma parliamo delle specifiche tecniche più nel dettaglio. Entrambi i processori si basano come detto su architettura Zen 2, processo produttivo a 7nm di TSMC e struttura a chiplet, che mette a disposizione un CCD a 7nm e un I/O Die a 12nm. Il Ryzen 3 3300X e il Ryzen 3 3100 supportano il nuovo standard PCIe 4.0 e RAM DDR4 in configurazione dual-channel.

Il Ryzen 3 3300X mette a disposizione 4 core e 8 thread con una frequenza base di 3,8GHz, che in boost raggiunge i 4,3GHz. Abbiamo poi 2MB di cache L2, 16MB di cache L3, 24 linee PCIe 4.0 e un TDP di 65W, configurabile a 45W tramite la Eco Mode.

Il Ryzen 3 3100 offre invece 4 core / 8 thread a una frequenza base di 3,6GHz, capace di toccare i 3,9GHz in boost. Anche in questo caso abbiamo 2MB di cache L2, 16MB di cache L3 e 24 linee PCIe 4.0, con un TDP di 65W configurabile a 45W.

In fase di recensione non può mancare un confronto con le soluzioni Intel, in particolar modo con i diretti concorrenti dei nuovi Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100, identificati da AMD stessa nel Core i5-9400F e nel Core i3-9100F. Le due proposte di Intel sono ancora basate sul processo produttivo a 14nm e offrono rispettivamente 6 e 4 core senza Hyper-Threading, con frequenze leggermente inferiori al Ryzen 3 3300X ma superiori al Ryzen 3 3100. Manca invece qualsiasi tipo di confronto con gli Intel Core di decima generazione, annunciati ma non ancora disponibili.

Modello CPU Ryzen 3 3300X Ryzen 3 3100
Architettura Zen 2 Zen 2
Processo produttivo 7nm CCD / 12nm I/O Die 7nm CCD / 12nm I/O Die
Core / thread 4 / 8 4 / 8
Frequenza base / boost 3,8 / 4,3 GHz 3,6 / 3,9 GHz
Cache L2 + L3 2 + 16 MB 2 + 16 MB
Linee PCIe 4.0 24 24
TDP 65W (45W Eco Mode) 65W (45W Eco Mode)
Prezzo  110 euro + VAT 91 euro + VAT

Prestazioni Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100

Per questa prova abbiamo deciso di effettuare diversi test su processori AMD e Intel di fascia medio-bassa, per avere un’idea di quale siano le differenze tra le proposte vecchie e nuove di questo segmento di mercato. Abbiamo effettuato benchmark sintetici, di produttività e relativi al gaming, cercando di coprire quanti più differenti casi d’uso possibile e mettere alla prova le CPU con carichi di lavoro diversi. Prima di addentrarci nei grafici vi lasciamo due tabelle con le piattaforme utilizzate per i test.

Configurazione di prova AMD

Dissipatore AMD Wraith Prism RGB (acquistabile qui)
Scheda madre Asus ROG X570 Crosshair VIII Hero (acquistabile qui)
RAM G.Skill TridentZ Royal 16 GB 3600 MHz (acquistabile qui)
Archiviazione SSD PCIe 4.0 Corsair MP600 2 TB (acquistabile qui)
Alimentatore Asus ROG Thor 850M (acquistabile qui)
Scheda video Asus ROG Strix RTX 2080 (acquistabile qui)
Sistema operativo Windows 10 versione 1909 (acquistabile qui)

Configurazione di prova Intel

Dissipatore Noctua NH-U12A (acquistabile qui)
Scheda madre Asus ROG Maximus XI Hero (WiFi) (acquistabile qui)
RAM Corsair Dominator Platinum 16 GB 3600 MHz (acquistabile qui)
Archiviazione SSD PCIe 4.0 Corsair MP600 2 TB (acquistabile qui)
Alimentatore Asus ROG Thor 850M (acquistabile qui)
Scheda video Asus ROG Strix RTX 2080 (acquistabile qui)
Sistema operativo Windows 10 versione 1909 (acquistabile qui)

Prestazioni nei videogiochi

Abbiamo eseguito i benchmark relativi ai videogiochi a risoluzione Full HD, impostando un livello di dettaglio elevato e disattivando l’antialiasing. Abbiamo messo alla prova differenti titoli, principalmente alla ricerca di un mix che possa farci capire le prestazioni derivanti direttamente dall’IPC e dalla presenza di molteplici core.

Civilization VI

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - Civilization VI

Nel Test IA di Civilization VI vediamo i nuovi Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 migliorare nettamente le prestazioni dei vecchi Ryzen 3 3200G, Ryzen 5 2400G e Ryzen 5 3400G, facendo segnare dei risultati molto vicini a quelli dell’Intel Core i3-9100F e dell’Intel Core i5-9400F, con differenze nell’ordine dei decimi di secondo.

F1 2019

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - F1 2019

In F1 2019 il Ryzen 3 3300X fa segnare un risultato davvero notevole, schizzando a 161 FPS. Anche il Ryzen 3 3100 si comporta bene; entrambi i nuovi processori di casa AMD superano in maniera convincente sia l’Intel Core i5-9400F che l’Intel Core i3-9100F, che soffre la mancanza di Hyper-Threading e si posiziona dietro il Ryzen 5 3400G.

Assassin’s Creed Odyssey

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - AC Odyssey

In Assassin’s Creed Odyssey si ripresenta la situazione vista poco sopra in F1 2019: i due Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 occupano le prime due posizioni in classifica, superando agilmente l’Intel Core i5-9400F e l’Intel Core i3-9100F, che (come prima) soffra la mancanza di Hyper-Threading e si piazza dietro il Ryzen 5 3400G.

Metro Exodus

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - Metro Exodus

In Metro Exodus vediamo uno scenario ben più combattuto, con i quattro processori più recenti che distaccano notevolmente la “vecchia guardia” e si danno battaglia nella parte alta della classifica. In questo benchmark la vittoria va all’Intel Core i5-9400F e all’Intel Core i3-9100F, che superano i diretti concorrenti Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100, ma la differenza è veramente ridotta: parliamo di meno di 2FPS nel primo caso e di solamente 0,3 FPS nel secondo, numeri che possono tranquillamente rientrare nel margine di variazione del benchmark stesso.

Rainbow Six Siege

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - Rainbow Six Siege

In Rainbow Six Siege il Ryzen 3 3100 supera in maniera convincente l’Intel Core i3-9100F, facendo segnare circa 10FPS medi in più. La situazione si ribalta quando prendiamo in esame gli altri due processori, in quanto stavolta è l’Intel Core i5-9400F a fare meglio del Ryzen 3 3300X, con uno scarto di circa 7FPS. Questa differenza probabilmente è dovuta al fatto che il Core i5 riesce a trarre vantaggio dai suoi 6 core fisici, che performano meglio degli 8 thread del Ryzen.

Prestazioni in produttività

Similmente a quanto fatto con i videogiochi, anche in questo caso abbiamo cercato di creare un mix di test che rappresentassero diversi carichi e casi d’uso; per questo motivo abbiamo incluso benchmark sintetici, di rendering e di transcodifica video.

Cinebench R20

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - CBR20 multi thread

Il benchmark multi-thread di Cinebench R20 non rivela particolari sorprese: i processori con più thread ottengono un punteggio maggiore. Da segnalare però il risultato dell’Intel Core i5-9400F, che con un guizzo riesce a totalizzare una manciata di punti in più rispetto al Ryzen 3 3100, nonostante abbia 2 thread in meno.

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - CBR20 single thread

Nel benchmark single-thread vediamo il Ryzen 3 3300X superare in maniera convincente gli altri processori, seguito dal Ryzen 3 3100 e dall’Intel Core i3-9100F, distanti solamente 5 punti. I due Ryzen registrano un ottimo punteggio grazie al miglioramento dell’IPC garantito dall’architettura Zen 2, mentre l’Intel Core i5-9400F si posiziona più indietro, causa anche della frequenza massima inferiore rispetto a quella del Core i3-9100F.

POV-Ray

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - POV-Ray multi thread

L’Intel Core i5-9400F si posiziona primo nel test multi-thread, completando il benchmark in circa 5 secondi in meno rispetto al Ryzen 3 3300X. Il Ryzen 3 3100 ottiene invece un ottimo punteggio, impiegando ben 60 secondi in meno rispetto al Core i3-9100F, che soffre la mancanza dell’Hyper-Threading.

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - POV-Ray single thread

Anche nel benchmark single-thread di POV-Ray il Ryzen 3 3300X si piazza in testa alla classifica, seguito dall’Intel Core i3-9100F spinto in alto dalla frequenza massima di 4,3GHz. Poco dietro abbiamo l’Intel Core i5-9400F, seguito dal Ryzen 3 3100.

Blender

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - Blender

Nel test BMW di Blender il Ryzen 3 3300X ottiene il risultato migliore, seguito dall’Intel Core i5-9400F e dal Ryzen 3 3100, praticamente appaiati. L’Intel Core i3-9100F soffre anche in questo benchmark la mancanza dell’Hyper-Threading, finendo in coda alla classifica con un tempo migliore solo del Ryzen 3 3200G.

Handbrake

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - Handbrake

In Handbrake vediamo dei risultati leggermente diversi, con il Ryzen 3 3300X e l’Intel Core i5-9400F che impiegano praticamente lo stesso tempo a completare il benchmark. Subito dietro troviamo il Ryzen 3 3100, mentre l’Intel Core i3-9100F è fanalino di coda di questa classifica.

Corona 1.3

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - Corona 1.3

Nel benchmark di Corona 1.3 torniamo a vedere il Ryzen 3 3300X e il Ryzen 3 3100 in cima alla classifica, seguiti dall’Intel Core i5-9400F. Anche qui l’Intel Core i3-9100F si piazza nella parte bassa della classifica, finendo dietro al Ryzen 5 3400G e Ryzen 5 2400G e superando solamente il Ryzen 3 3200G.

7-Zip

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - 7-Zip compression
Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - 7-Zip decompression

Nei test di 7-Zip siamo abituati a vedere i processori AMD Ryzen superare agilmente le proposte di Intel. Nella prova di compressione il Ryzen 3 3300X e il Ryzen 3 3100 superano l’Intel Core i5-9400F, mentre nel benchmark di decompressione tutte le soluzioni Ryzen fanno meglio delle due CPU di Intel, che finiscono nelle ultime posizioni della classifica.

3DMark Physics

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - 3DMark Physics

Chiudiamo la lista di benchmark con il punteggio Physics di 3DMark Fire Strike Extreme. Qui ritroviamo il Ryzen 3 3300X e il Ryzen 3 3100 a occupare le prime due posizioni della classifica, seguiti dal Ryzen 5 3400G e dall’Intel Core i5-9400F. L’Intel Core i3-9100F si posiziona nuovamente penultimo, davanti solamente al Ryzen 3 3200G.

Consumi

Per misurare i consumi abbiamo rilevato i valori in watt alla presa di tutta la piattaforma, sia in idle che sotto carico.

Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 - Consumi

L’Intel Core i3-9100F e l’Intel Core i5-9400F sono i due processori che consumano meno, sia in idle che a pieno carico. Di contro, il Ryzen 3 3300X e il Ryzen 3 3100 hanno consumi superiori in entrambi gli scenari con il Ryzen 3 3300X che quasi raddoppia il consumo in idle dell’Intel Core i3-9100F e arriva ad assorbire, a pieno carico, oltre 130 watt.

Conclusioni

In termini di prestazioni, finora la fascia medio-bassa del mercato, soprattutto se guardiamo ai videogiocatori più giovani che assemblano le loro prime configurazioni a basso costo e vogliono il massimo spendendo poco, è stata appannaggio di Intel, che con l’Intel Core i3-9100F e l’Intel Core i5-9400F metteva a disposizione dell’utenza processori dal costo contenuto e con performance più che adeguate per giocare a risoluzione Full HD. L’arrivo dei nuovi Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 cambia inevitabilmente le carte in tavola, mettendo a rischio la posizione di vantaggio in cui si sono trovate finora le due soluzioni della casa di Santa Clara.

Come abbiamo visto nella parte di test relativa ai videogiochi, l’Intel Core i3-9100F e l’Intel Core i5-9400F si difendono ancora molto bene, risultando estremamente competitivi in praticamente tutti i titoli che non riescono a trarre vantaggio dagli 8 thread dei Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100. Rispetto però ai modelli di precedente generazione, i nuovi membri della famiglia Matisse fanno segnare un incremento notevole delle prestazioni, rendendoli un’alternativa interessante rispetto alle due proposte di Intel. 

Il vero asso nella manica dei nuovi Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 è, come per tutto il resto della gamma Ryzen 3000, la capacità di offrire (oltre alle buone performance nei videogiochi) prestazioni in produttività che superano quelle della concorrenza. Il numero di thread superiore affiancato a dei buoni valori di frequenza massima fa sì che le nuove CPU della casa di Sunnyvale si posizionino in cima alla classifica nella gran parte dei benchmark multi-thread, rendendole ancora più interessanti per tutti quegli utenti alla ricerca di un nuovo processore non troppo costoso, ma adatto ad affrontare diversi compiti.

Il prezzo è un altro aspetto decisamente interessante: AMD assegna ai nuovi Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 un listino di, rispettivamente, 110 e 91 euro, a cui bisogna aggiungere le tasse; si arriva quindi a un valore finale di circa 111 euro per il Ryzen 3 3100 e 134 euro per il Ryzen 3 3300X. A confronto, mentre scriviamo questa recensione l’Intel Core i3-9100F è acquistabile a circa 90 euro, mentre l’Intel Core i5-9400F è disponibile a poco meno di 180 euro.

Se da un lato è vero che dovremo attendere i prezzi di vendita reali dei nuovi Ryzen 3 per fare delle considerazioni più precise, dall’altro è innegabile il fatto che si tratti di un listino davvero goloso specialmente per chi, in fase d’acquisto, cerca sempre di massimizzare il rapporto qualità prezzo.

Iniziamo parlando del Ryzen 3 3100, che se venduto al prezzo di listino costerebbe oggi una ventina di euro più dell’Intel Core i3-9100F. La differenza di prestazioni offerta vale la differenza di prezzo? Dipende. Se avete intenzione di utilizzare il PC non solo per giocare, ma anche per portare avanti piccoli progetti che sfruttano software in grado di avvantaggiarsi degli 8 thread, sì. Se invece volete assemblare una macchina economica per giocare in Full HD a 60FPS e non state costruendo un simulatore di guida a basso costo, l’Intel Core i3-9100F è ancora una scelta più che valida, che vi consentirà di investire quanto risparmiato in un SSD più capiente, o magari in una scheda grafica leggermente migliore.

Per il Ryzen 3 3300X il discorso invece è diverso: i 4,3GHz in boost, l’IPC migliorato dell’architettura Zen 2 e i 4 core con SMT danno vita a un processore capace di competere con l’Intel Core i5-9400F nei carichi single-thread e di superarlo nei carichi multi-thread, il tutto a un prezzo inferiore. Se il Ryzen 3 3300X fosse venduto al prezzo di listino oggi risparmieremmo quasi 50 euro, una cifra importante che, anche in questo caso, potrebbe essere reinvestita in altri componenti, come una scheda video di fascia più alta. Similmente all’Intel Core i3-9100F, anche l’Intel Core i5-9400F si difende molto bene nei giochi, ma costa più del Ryzen 3 3300X e rispetto a quest’ultimo fatica nella maggior parte dei carichi multi-thread, sia nel gaming che nella produttività. Di fatto, salvo prezzi di vendita esageratamente alti, diventa davvero difficile non consigliare la nuova soluzione di AMD anziché quella Intel.

Lo ribadiamo, per trarre delle conclusioni definitive siamo costretti ad aspettare i prezzi di vendita reali dei nuovi processori AMD, ma è innegabile che le premesse siano tutte a favore dei nuovi Ryzen Matisse, specialmente nel caso del Ryzen 3 3300X. Con i suoi due nuovi Ryzen 3 3300X e Ryzen 3 3100 la casa di Sunnyvale non ha fatto altro che riconfermare la bontà dell’architettura Zen 2 e delle migliorie ad essa collegate, offrendo prodotti in grado di affrontare le soluzioni di Intel in ogni ambito.

In questo scenario però c’è ancora un’incognita, un fattore che potrebbe cambiare nuovamente gli equilibri di questa fascia di mercato: i processori Intel Core di decima generazione. Per ora sono solo stati annunciati, ma siamo davvero curiosi di provarli non appena saranno disponibili: l’Intel Core i5-10400F e l’Intel Core i3-10100 sulla carta promettono grandi cose, a partire dall’Hyper-Threading e da una frequenza di boost superiore, due caratteristiche chiave che permetteranno di competere con i nuovi Ryzen 3 in maniera più efficace, specialmente nella gestione di carichi multi-thread. Non c’è che dire, qualsiasi segmento di mercato si prenda in considerazione, abbiamo davanti dei mesi davvero interessanti per quanto riguarda il mondo delle CPU.