Storage

SATA Express, nuova interfaccia da 16 Gb\sec

La Serial Ata International Organization (SATA-IO) ha annunciato lo sviluppo di SATA Express, un nuovo standard che combina l’infrastruttura SATA con l’interfaccia PCI Express. Questa tecnologia consentirà ai produttori di creare dispositivi che sfrutteranno l’ampiezza di banda degli slot PCIe fino a 16 Gb/s, senza perdere la compatibilità SATA.

SATA Express

Questo connubio offrirà una via comoda ed economica per raggiungere velocità elevate delle interfacce, con 8 Gb/s nel caso di una linea PCIe 2.0 o 16 Gb/s se si usano due linee PCIe 3.0. Un buon incremento rispetto alla classiche SATA a canale singolo da 6 Gb/s.

“Avevamo due scelte, o aumentare la velocità dell’interfaccia SATA o trovare un’altra soluzione che potesse essere disponibile in questo momento e che fosse compatibile con i costi e la tecnologia dell’ambiente SATA”, ha dichiarato Mladen Luksic, presidente di SATA-IO, ai microfoni di Computerworld. L’obiettivo è di scongiurare fastidiosi colli di bottiglia che potrebbero affliggere gli utenti più esigenti e le configurazioni aziendali di alto livello.

Il lato positivo è che i dispositivi SATA Express saranno riconosciuti dall’host come un classico hardware SATA, e dato che la stragrande maggioranza di tutti i desktop moderni supportano SATA e PCIe gli utenti non dovranno aggiornare il proprio PC con nuovi componenti per sfruttare questa tecnologia.

“La specifica SATA Express fornisce ai produttori di SSD e di dischi ibridi i vantaggi delle prestazioni e della scalabilità possibili grazie a PCIe 3.0 e la possibilità di sfruttare la diffusione SATA”, dichiara Luksic. La finalizzazione di SATA Express avverrà entro la fine del 2011.

SATA Express – Clicca per ingrandire

L’organizzazione ha annunciato anche un’altra novità, chiamata SATA µSSD, una soluzione a chip singolo per fattori di forma ultrasottili, come i tablet. Purtroppo non ci sono ancora date sulla realizzazione di questa nuova tecnologia. Cambiamenti anche sul fronte USB 3.0, grazie allo sviluppo di una nuova specifica per la conduzione di energia elettrica.