Software

Windows 7 è morto, ma c’è un nuovo bug

Come vi abbiamo raccontato nelle scorse settimane, il termine del supporto esteso a Windows 7 ha, di fatto, dichiarato la morte del sistema operativo di Microsoft. Sembra però non esserci pace per lo storico OS: stando a quanto riportato online infatti Windows 7 è afflitto da un nuovo bug, che impedisce l’arresto del computer. 

A quanto pare, se si tenta di spegnere il PC appare un messaggio di errore che ci avvisa di non avere i permessi necessari per spegnere il computer. Il problema sembra ben più grave di quello relativo allo sfondo nero riportato qualche settimana fa e per cui Microsoft aveva rilasciato un fix, nonostante – come detto – la fine del supporto esteso.

Non è chiaro quanti utenti siano affetti da questo bug che impedisce di spegnere il computer, ma se il numero di utenti dovesse essere sufficientemente elevato, Microsoft potrebbe lavorare a una patch correttiva.

Nel frattempo, nel caso foste tra gli utenti affetti da questo problema, sappiate che la community di Reddit ha già trovato alcune soluzioni. Secondo una discussione è sufficiente creare un nuovo account amministratore, fare login e quindi rientrare nel proprio account, in questo modo si dovrebbe riuscire a spegnere il computer. Un’altra soluzione proposta è più complicata e necessita l’utilizzo di Gpedit, ma sembra anche essere permanente. 

Per il momento non ci sono state comunicazioni da parte di Microsoft, ma il problema sembra essere abbastanza importante. Siamo comunque fiduciosi che Microsoft rilascerà un bugfix in tempi brevi, nonostante la fine del supporto esteso a Windows 7.

Problemi o no, è innegabile che Windows 7 ha fatto il suo tempo. Se volete dare una chance a Windows 10, potete acquistarlo su Amazon.