Android

Apple, il Q2 2017 conferma l’importanza degli iPhone

Apple ha pubblicato i risultati finanziari del Q2 2017. L'azienda di Cupertino, come ampiamente annunciato, prosegue il proprio trend positivo. Il fatturato, nel trimestre in esame (gennaio, febbraio e marzo), si è attestato sui 52,9 miliardi di dollari, in crescita rispetto a quello del medesimo periodo dello scorso anno (50,6 miliardi di dollari). Gli iPhone, con 50,8 milioni di unità vendute, continuano a rappresentare il core-business.

L'utile trimestrale per azione diluita, ovvero il rapporto fra gli utili societari e il numero di azioni (considerando tutti i titoli esistenti convertibili in azioni societarie) in quel determinato periodo, è salito a 2,10 dollari, anche in questo caso in crescita rispetto al Q2 2016, quando si è fermato a 1,90 dollari. Un andamento che contribuisce a certificare la salute della situazione finanziaria dell'azienda di Cupertino.

iPhone SE
iPhone SE

Scendendo nel dettaglio dei prodotti, oltre al già citato risultato degli iPhone, spiccano le 4,20 milioni di unità di Mac vendute (rispetto ai 4,03 milioni del Q2 2016), mentre gli iPad si sono attestati a 8,92 milioni di unità vendute (contro le 10,25 milioni del medesimo periodo dello scorso anno). In tal senso, può essere utile operare una precisazione.

Il fatto che gli iPad siano di fatto stati investiti dalla spirale recessiva dell'intero settore tablet è cosa nota. Di contro però, pur verificandosi ormai un continuo calo di vendite, quest'ultimo si sta riducendo nel tempo. Nel Q2 2015 la diminuzione si è attestata sulle 3,7 milioni di unità, diventate 2,35 milioni nel confronto con il Q2 2016, fino a giungere al calo di 1,33 milioni di unità nel Q2 2017 rispetto a quello dello scorso anno.

iPad 9.7
iPad 9.7

Inserendo in tutti questi dati il recente arrivo sul mercato di iPad 9.7, con un prezzo aggressivo rispetto ai soliti standard Apple, non è escluso che l'azienda di Cupertino possa riuscire ad invertire questo trend negativo nelle vendite dei propri tablet, tenendo comunque presente come si sta parlando di una diminuzione su base annua del 12%. Il periodo delle festività natalizie sarà certamente indicativo sotto questo punto di vista.

Leggi anche: iPad 9.7 a 409 euro, una svolta per il mercato tablet

Molto interessanti anche i dati legati ai servizi. Si parla di un fatturato generato pari a poco più di 7 miliardi di dollari nel trimestre preso in esame, con una crescita su base annua del 18%. L'ennesima dimostrazione di come Apple sia riuscita a mettere le mani anche su tutto ciò che ruota attorno al semplice smartphone inteso come dispositivo.

iphone 7 red
iPhone 7 e 7 Plus (PRODUCT) Red

In ogni caso, le vendite internazionali hanno rappresentano il 65% del fatturato trimestrale, confermando come gli Stati Uniti continuino a rappresentare la vera roccaforte dell'azienda di Cupertino. Non a caso, negli USA la quota mercato di iOS è nettamente più vicina ad Android rispetto al distacco abissale esistente nel resto del mondo.

"Siamo orgogliosi di annunciare un forte trimestre di marzo con una crescita di ricavi in accelerazione rispetto al trimestre di dicembre e una domanda costante e sostenuta per iPhone 7Plus. Abbiamo visto una grande risposta da parte dei clienti per entrambi i nuovi modelli iPhone 7 (PRODUCT)RED Special Edition e siamo entusiasti del forte momento positivo del nostro business dei Servizi, con il nostro miglior fatturato per un trimestre di 13 settimane. Guardando avanti, siamo entusiasti di accogliere partecipanti che arrivano da tutto il mondo alla nostra annuale Conferenza mondiale degli sviluppatori, il mese prossimo a San Jose" ha dichiarato il CEO Tim Cook.

Tim Cook
Tim Cook, CEO Apple

L'azienda ha inoltre annunciato che il suo Consiglio di Amministrazione ha autorizzato un aumento di 50 miliardi di dollari per il programma della Società di restituzione del capitale agli azionisti e sta estendendo la durata del programma di quattro trimestri. Nell'ambito del programma così ampliato, Apple prevede di spendere un totale complessivo di 300 miliardi di dollari entro la fine di marzo 2019.

Una notizia in parte collegata con quella degli ormai famosi 250 miliardi di dollari di liquidità. È evidente dunque come la prima mossa di Apple sarà quella di operare sul capitale in relazione agli azionisti e all'aumento dei dividendi. Le tanto chiacchierate acquisizioni prestigiose potrebbero essere una mossa successiva, ma comunque non scontata.

Luca Maestri
Luca Maestri, CFO Apple

"Abbiamo generato un forte flusso di cassa operativo di 12,5 miliardi di dollari e restituito oltre 10 miliardi di dollari ai nostri azionisti durante il trimestre di marzo. Data la solidità del nostro business e la fiducia che abbiamo per il nostro futuro, siamo lieti di annunciare oggi un ulteriore aumento di 50 miliardi di dollari per il nostro programma di capital return" ha precisato il CFO Luca Maestri.

Interessanti, infine, le linee guida per quello che sarà il Q3 2017:

  • fatturato fra i 43,5 miliardi di dollari e i 45,5 miliardi di dollari
  •  margine lordo fra il 37,5 percento e il 38,5 percento
  • spese operative fra i 6,6 miliardi di dollari e i 6,7 miliardi di dollari
  • altre entrate/(spese) di 450 milioni di dollari
  • aliquota fiscale del 25,5 percento