Apple

Foxconn, pronta a fronteggiare la domanda stagionale

Foxconn continua a mostrare segnali positivi per la produttività delle sue strutture. Facendo seguito alla nuova emergenza sanitaria legata al COVID-19, l’azienda taiwanese è pronta alla nuova stagione di produzione assicurando un numero elevato di dipendenti che saranno in grado di soddisfare a pieno la futura domanda.

L’azienda taiwanese, principale produttore di Apple,  si sta impegnando al fine di tornare progressivamente alla normalità dopo gli stop alla produzione causati dall’emergenza del coronavirus. Naturalmente, vista la situazione sanitaria decisamente delicata, Foxconn assicura di salvaguardare la salute dei suoi dipendenti tramite screening preventivi su tutti i suoi lavoratori.

Il colosso taiwanese sembrerebbe dunque pronto a soddisfare senza problemi la produzione mondiale. A inizio marzo, il livello produttivo degli stabilimenti presenti nel territorio di Cina e Vietnam è tornato alla normalità per circa il 50% della capacità produttiva. Inevitabilmente, non manca la preoccupazione da parte dell’azienda relativa all’effettivo andamento reale tra domanda e offerta. Sebbene la produzione degli stabilimenti riprenderà senza particolari problemi, l’emergenza sanitaria diffusa su quasi tutto il territorio mondiale causerà sicuramente una riduzione della domanda d’acquisto.

La pandemia ha infatti colpito negativamente anche il mercato degli smartphone che, nel mese di febbraio, ha registrato un calo record di circa -38% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno per quanto riguarda la spedizione di smartphone.