Apple

iPhone rallentati e usura batterie, indaga la Giustizia USA

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, in collaborazione con la SEC (Security and Exchange Commission), ha avviato un'indagine nei confronti di Apple. L'obiettivo sarebbe quello di fare chiarezza sul presunto legame tra il rallentamento di alcuni modelli di iPhone e l'usura della batteria. Secondo quanto riportato da Bloomberg, tutto ruoterebbe attorno alla mancata comunicazione da parte dell'azienda.

Sembra infatti che l'indagine sia ancora alle primissime battute. In questo momento le autorità statunitensi si starebbero concentrando su eventuali violazioni, da parte di Apple, delle leggi che regolano la divulgazione delle novità introdotte dagli aggiornamenti software. Del resto, tutto è partito dall'aggiornamento ad iOS 10.2.1.

iPhone batteria

Ci siamo già occupati della vicenda nelle scorse settimane, con numerosi articoli qui linkati. Il fatto certo è che, a partire da iOS 10.2.1 (per gli iPhone 6, 6 Plus, 6s, 6s Plus) e successivamente con iOS 11.2 (per gli iPhone 7 e 7 Plus), Apple ha introdotto una nuova gestione energetica.

Leggi anche: iPhone lenti e batteria usurata, Apple si scusa e chiarisce

Così come spiegato dall'azienda di Cupertino, la logica è stata quella di consentire alle batterie, anche se usurate, di gestire i picchi di energia richiesti dal dispositivo, con l'obiettivo finale di aumentarne la longevità. Una scelta che però ha portato alcuni modelli di iPhone  a rallentare nel corso del tempo, come hanno segnalato numerosi clienti.

iphone batteria

Nella nota ufficiale rilasciata da Apple a fine 2017, l'azienda di Cupertino ha comunque rispedito al mittente le accuse di obsolescenza programmata. Questo non le ha impedito di scusarsi con gli utenti per quel che riguarda le comunicazione sulle modalità di gestione delle prestazioni degli iPhone con batterie meno recenti.

Leggi anche: iPhone lenti e batteria usurata, interviene Apple

Com'è ormai ampiamente noto, Apple ha anche avviato un programma di sostituzione delle batterie a prezzi agevolati. In Italia, ad esempio, fino al 31 dicembre 2018 è possibile sostituire la batteria del proprio iPhone a 29 euro anziché 89 euro. Una misura che non è comunque bastata a placare il clamore mediatico e le attenzioni da parte delle autorità.

iphone batteria

Ad inizio gennaio è partita un'indagine nei confronti di Apple da parte della Procura di Parigi, proprio in relazione a presunte pratiche di obsolescenza programmata. Negli Stati Uniti sono state avviate alcune class-action da parte degli utenti, ed ecco oggi la notizia dell'inchiesta del Dipartimento di Giustizia statunitense e del SEC (l'ente federale preposto alla vigilanza della borsa valori).

Leggi anche: iPhone, batterie sostituite a 29 euro anche se in salute

Insomma, la sensazione è che la situazione sia lontana dal risolversi in breve tempo. Il tutto in attesa della pubblicazione dei dati finanziari del primo trimestre fiscale del 2018, che avverrà entro domani. Nel frattempo, Apple cede in Borsa l'1,6%, con le indiscrezioni circa l'eventuale taglio del target di produzione di iPhone X che continuano a pesare sull'azienda di Cupertino.


Tom's Consiglia

iPhone 8, nella versione da 64 GB, è disponibile all'acquisto attraverso Amazon con uno sconto di oltre 100 euro rispetto al prezzo di listino, potendo usufruire anche della spedizione Prime.