Android

Recensione Xiaomi Mi 8 Lite: ottime prestazioni ma fotocamera sottotono in notturna


Xiaomi Mi 8 Lite
RAM
4/6 GB
Archiviazione
64/128 GB
Schermo
6,26 pollici - 1080 x 2280
Fotocamera posteriore
Dual-camera, 12 MP + 5 MP
Batteria
3.350

Mi 8 Lite è l’ennesima proposta di Xiaomi per la fascia media del mercato. È lo smartphone che completa il trio che vede al centro i top di gamma Mi 8 e Mi 8 Pro. In questo caso, il produttore cinese ha presentato un prodotto con una scheda tecnica coerente con il segmento, incastonata però in un “involucro” tipico dei dispositivi premium.

Da questo punto di vista, deve vedersela con marchi come Honor e Huawei che sono in grado di immettere sul mercato dispositivi performanti e alla moda a dei prezzi contenuti. Nell’ottica di aggredire sempre più il mercato e di consolidare la posizione raggiunta, la nuova strategia di Xiaomi sembra essere quella di introdurre caratteristiche da top di gamma anche nella fascia più bassa. Non a caso, infatti, il chiacchierato smartphone con fotocamera da 48 Megapixel dovrebbe appartenere proprio alla serie Redmi, la linea economica del produttore cinese.

Mi 8 Lite, grazie alla combinazione tra un’ottima piattaforma hardware, una buona autonomia e una qualità costruttiva di alto livello, si candida come uno dei best-buy dell’ultima parte dell’anno seppur con qualche ombra che scopriremo nel corso della nostra recensione. È arrivato sul mercato a partire da 299,90 euro per la versione da 4 Gigabyte di RAM e 64 Gigabyte di memoria interna che diventano 349,90 euro per la configurazione da 6/128 Gigabyte. Tuttavia, è già acquistabile a cifre inferiori sui vari store online.

Design e hardware: una coppia vincente

La presenza dello Snapdragon 660 di Qualcomm lasciava presagire grandi prestazioni già sulla carta. L’utilizzo ne ha poi confermato l’affidabilità. Il processore è accoppiato alla GPU Adreno 512 e – nel nostro caso – a 4 Gigabyte di RAM e 64 Gigabyte di memoria interna espandibile tramite micro-SD, a patto di sacrificare la seconda SIM.

Lo smartphone si comporta egregiamente in ogni tipo di situazione. È sempre scattante e fluido. Solo con Instagram ho notato qualche rallentamento, ma è difficile capire se dipenda dall’applicazione o dalla potenza del processore, dato che ho riscontrato lo stesso problema anche con altri modelli. Ciò che mi ha sorpresa particolarmente è la dissipazione del calore. Il terminale sembra non scaldare mai nemmeno dopo lunghe sessioni di utilizzo.

Molto buona l’autonomia. Mi 8 Lite può contare su una batteria da 3.350 mAh che permette di coprire ampiamente la giornata. Nel mio caso, ho anche raggiunto quasi 4 ore di schermo arrivando a fine serata con ancora il 27% di batteria. Insomma, nonostante non si tratti di un amperaggio elevato, l’autonomia resta ancora di alto livello.

Discreta la connettività a cui manca l’NFC, il sensore a infrarossi e il jack audio da 3,5 mm. In compenso, Xiaomi fornisce un adattatore per collegare le nostre cuffie alla porta USB-C. Per il resto parliamo di support Dual-SIM, Wi-Fi ac dual-band, A-GPS GLONASS BDS e Bluetooth 5.0.

Le buone performance si fondono all’eleganza. A livello estetico, Mi 8 Lite è davvero molto bello e strizza l’occhio al pubblico più giovane soprattutto nella colorazione Aurora Blue. La sensazione al tatto è proprio quella di avere tra le mani un dispositivo premium grazie alla scelta di Xiaomi di utilizzare il vetro sia per la parte posteriore che per quella anteriore. Come sempre in questi casi, l’ergonomia è sacrificata in favore dell’estetica. Infatti, l’utilizzo di questi materiali rende lo smartphone particolarmente scivoloso. Per favorire il grip, è consigliabile sfruttare la cover di protezione presente nella confezione di vendita.

Nonostante le dimensioni non proprio contenute (156,4 x 75,8 x 7,5 millimetri per un peso complessivo di 169 grammi), il terminale si tiene bene in mano e i pulsanti fisici di accensione e di volume – posizionati sul frame laterale in alluminio – sono facilmente raggiungibili. Nessun problema nemmeno per il sensore biometrico situato sul retro che si è rivelato sempre preciso e veloce.

Lo schermo del Mi 8 Lite è il classico pannello Xiaomi di fascia media. Si tratta di un display IPS LCD da 6,26 pollici con risoluzione Full-HD+ (1.080 x 2.280 pixel) e rapporto di forma in 19:9. La qualità generale è buona con un livello di luminosità adeguato, buoni angoli di visuale ma con i colori un po’ spenti e i neri non assoluti. Non è ovviamente ai livelli dei display OLED ma la resa è ottima. Inoltre, la luminosità automatica viene gestita davvero in maniera eccellente. Il software è in grado di regolarla al punto giusto in base alle situazioni.

È presente il notch, anche se in maniera più elegante rispetto al fratello maggiore Mi 8. È ormai nota, la cattiva gestione della tacca a livello software che impedisce la visualizzazione delle notifiche nella barra di stato. Il problema dovrebbe essere comunque risolto molto presto probabilmente già con il prossimo aggiornamento.

La fotocamera non convince

Xiaomi ha posizionato una dual-camera sul retro. A differenza del Mi 8 (di cui potete leggere la nostra recensione qui), il sensore da 12 MP (obiettivo f/1.9) e quello da 5 MP (obiettivo f/2.0) insieme al flash LED sono disposti in posizione orizzontale. In questo caso, devo dire che mi aspettavo di più e la qualità degli scatti non mi ha convinta.

Le foto scattate di giorno sono buone ma la riproduzione dei colori non è molto fedele e subentra un po’ più di rumore rispetto a dispositivi di stessa fascia. Il Redmi Note 6 Pro – per esempio – riesce a fare meglio. Va da sé che la situazione peggiora in condizioni di luce scarsa. Di notte, i colori sono impastati come se avessimo disegnato il soggetto con degli acquarelli, c’è tanto rumore e molta perdita di dettaglio. Inoltre, bisogna tener la mano ben ferma per evitare l’effetto mosso.

Discorso analogo per la fotocamera frontale da 24 Megapixel. Di giorno, sono tutto sommato accettabili ma la sera la fotocamera frontale è davvero deludente. L’effetto bokeh (fondo sfocato), invece, è nella media sia per il modulo anteriore che posteriore. I video possono essere registrati fino alla risoluzione Full-HD a 30 fps.

Non mancano tutte le funzionalità software che vanno dalla possibilità di sfruttare l’intelligenza artificiale fino ad arrivare alla registrazione di video brevi. Tuttavia, considerando le caratteristiche di Mi 8 Lite e la fascia di prezzo di appartenenza, il produttore di Shenzhen avrebbe dovuto – forse – porre maggiore attenzione all’aspetto fotografico.

Restando sul discorso software, troviamo a bordo Android Oreo 8.1 personalizzato con la MIUI 10 e le patch di sicurezza aggiornate al 1 ottobre. Nessuna novità sotto questo punto di vista. È la classica interfaccia Xiaomi sempre ottimizzata e fluida che non intacca le prestazioni. Sono tante le opzioni di personalizzazione come il Secondo Spazio, le varie modalità di attivazione dello schermo, la possibilità di nascondere il notch.

È presente anche lo sblocco del terminale tramite il riconoscimento del volto. A tal proposito, anche se utilizza semplicemente il sensore della fotocamera, risulta molto preciso e veloce. Al buio fa più fatica ma riesce a sfruttare la luce data dal display per la scansione.

Conclusioni: chi dovrebbe acquistarlo?

Xiaomi nella fascia media domina. Finora, è riuscita sempre a mantenere un ottimo rapporto qualità/prezzo. Nel complesso, non ha deluso nemmeno con Mi 8 Lite. Certo, ci sono delle sbavature che potevano essere evitate e che avrebbero dato allo smartphone un tocco di fascino in più, ma resta un best-buy soprattutto in vista del naturale abbassamento di prezzo che si verificherà nei prossimi mesi.

Come detto in apertura, è arrivato in Italia con prezzi che partono da 299,90 euro. Tuttavia, è già possibile acquistarlo a meno. Su Geekmall – lo store che ci ha fornito il sample per la recensione – è disponibile a questo link a 229 euro nella variante con 4 Gigabyte di RAM e 64 Gigabyte di storage.

Se siete alla ricerca di uno smartphone affidabile caratterizzato da un grande schermo, tanta autonomia e dall’aspetto elegante, Mi 8 Lite fa al caso vostro a patto di accettare qualche piccolo compromesso come la poca accurata resa fotografica. In tal caso, potreste orientarvi verso Honor View 10 Lite che sotto questo aspetto non delude.

Xiaomi Mi 8 Lite

Mi 8 Lite è uno smartphone medio gamma affidabile e performante caratterizzato da un ottimo rapporto qualità/prezzo. Esteticamente, si presenta come un top di gamma e la piattaforma hardware accoppiata a quella software rendono l’esperienza utente un vero piacere.

7.8
7.8

Verdetto

Xiaomi non delude sulla fascia media. Mi 8 Lite offre un’esperienza utente soddisfacente grazie alla combinazione tra ottime prestazioni e buona autonomia. Il grande display rende piacevole la fruizione dei contenuti multimediali. Con meno di 300 euro, si ha uno smartphone affidabile ed elegante. Peccato per la resa fotografica.

Pro

Prezzo di listino, autonomia, prestazioni, qualità costruttiva

Contro

Resa fotografica soprattutto in notturna, mancanza NFC, gestione del notch a livello software