Android

Snapdragon 820, 6 GB di RAM e batteria da 4000 mAh in soli 6 mm, è davvero possibile?

Il crowdfunding negli ultimi anni è spesso fonte di progetti davvero validi e interessanti, ma a volte viene anche utilizzato per tentare di finanziare progetti irrealizzabili, come nel caso di Blu, smartphone flessibile la cui campagna è stata chiusa prima su KickStarter e poi su IndieGoGo.

Proprio su quest'ultimo sito è apparso in questi giorni un progetto per realizzare quello che sembrerebbe lo smartphone dei sogni, ma che proprio per questo suscita più di qualche perplessità.

symetium

L'azienda si chiama Symetium e si propone di realizzare il miglior smartphone mai visto fino ad oggi, un vero concentrato di tutto quanto desidereremmo, ma che spesso è incompatibile, perché nella realtà esistono dei compromessi ineliminabili, come ad esempio decidere se vogliamo un dispositivo sottilissimo o uno con una grande batteria per un'ottima autonomia.

Proprio la negazione della necessità dei compromessi nel realizzare uno smartphone, unitamente a una soglia insolitamente elevata (e che probabilmente non sarà mai raggiunta), pari a ben 1.250.000 dollari, fa però sospettare che si tratti di vaporware, ma procediamo con ordine e vediamo cosa promette Symetium.

symetium

Lo smartphone promette un display OLED da 5 pollici con risoluzione Full HD di tipo bezelless, quindi completamente privo di cornici laterali, una configurazione hardware con Qualcomm Snapdragon 820, 6 GB di RAM e 256 GB di spazio di storage, che possono essere aumentati aggiungendo fino a 128 GB tramite schede microSD e una batteria da ben 4000 mAh, il tutto racchiuso in una scocca in lega di alluminio certificata IP67 e spessa appena 6 mm, che ospiterebbe anche speaker stereo, moduli 4G-LTE, Wi-Fi 802.11ac, Bluetooth 4.0, GPS e porta USB C.

symetium

È tutto? Macché: Symetium infatti promette anche fotocamera posteriore da 24 Mpixel, fotocamera anteriore da 5 Mpixel e, soprattutto, Symetium OS, una versione proprietaria di Android 6.0 Marshmallow in grado di offrire una modalità simile a quella Continuum di Windows 10, trasformando quindi di fatto lo smartphone in un desktop PC semplicemente collegandolo tramite una docking station a schermo, mouse e tastiera.

Tutto questo non ha una data d'esordio, ammesso che il progetto raggiunga mai la soglia di finanziamento, ma il modello finale non costerebbe nemmeno troppo, 699 dollari.

Troppo bello per essere vero? A noi qualche dubbio è venuto, e a voi?