Android

Snapdragon 875: Samsung non garantisce, Qualcomm delega TSMC

Viste le ultime vicissitudini nelle fonderie Samsung, Qualcomm sta dialogando con TSMC per produrre il nuovo Snapdragon 875 nei tempi prestabiliti.

Samsung, rea di avere qualche problema con il nuovo processo a 5 nm, sta preoccupando Qualcomm che ha deciso così di delegare parte della produzione a TSMC.

Snapdragon 875

Ma quali sono queste vicissitudini? In poche parole, l’azienda Sud Coreana avrebbe commesso alcuni errori teorici circa la realizzazione dei SoC con processo produttivo a 5 nm. Questi sono emersi quando ci si è accorto che aver spinto la litografia così a fondo non era direttamente proporzionale alle performance che ci si aspettava.

Come detto, ci si aspettava dei risultati molto più performanti, sopratutto per il SoC flagship Snapdragon 875. Il problema è che determinati parametri sono già stati garantiti a Qualcomm da Samsung e che quindi, quest’ultima, deve trovare una soluzione il più presto possibile.

Il famoso Chipmaker, messo alle strette di un calendario già deciso, avrebbe sollevato la possibilità di affiancare parte della produzione a TSMC, capace anch’essa di realizzare SoC con processo produttivo a 5 nm. Per ora c’è un accordo relativo a quest’anno e Samsung rimarrà comunque il main partner. Ma, visto i problemi emersi, tutto può succedere.

Se vuole rispettare i tempi, Qualcomm al momento non può fare altrimenti. L’azienda Americana stava anche pensando di eccedere con gli ordini ma al momento TSMC ha firmato nero su bianco per la produzione dei SoC Apple A14 e Kirin 1000/1020, quindi le linee di produzione sono già parecchio occupate. Tra l’altro i Kirin 1000 saranno probabilmente gli ultimi e chiuderanno gli accordi tra Huawei e TSMC. Lo ha deciso Trump, come sempre ovviamente.

Poco F2 Pro 5G è uno dei più potenti ed economici smartphone con lo Snapdragon 865. Lo potete trovare qui ad un prezzo incredibile.