Android

Strillone: l’app che legge le notizie online per non vedenti

Il digital divide non riguarda solo la mancanza di connettività Internet, ma tutti quegli ostacoli che limitano l'accesso alle tecnologie digitali. Ecco il caso di Informatici senza Frontiere, un gruppo di professionisti che ha deciso di aiutare le persone a superare il divario digitale o ad affrontare emergenze, ovunque ce ne sia bisogno.

Volontariato nobile, per portare conoscenze e strumenti informatici a chi è emarginato o in difficoltà. L'ultimo progetto si chiama Strillone, app gratuita per smartphone, tablet e PC desktop, che permette alle persone non vedenti o con gravi problemi di vista di sfogliare e ascoltare le notizie del proprio quotidiano preferito, grazie alla sintesi vocale integrata.

Strillone

Strillone è disponibile per dispositivi Android, sul Play Store di Google, e sul web, premendo i tasti "è, +, à, ù"  sulla tastiera del computer. L'applicazione è compatibile con gran parte delle versioni degli Screen Reader per non vedenti (come Jaws). A breve sarà proposta anche una versione iOS per dispositivi Apple.

Come funziona Strillone? Perché l’applicazione di Informatici senza Frontiere può fare la differenza? Perché lo schermo touch è suddiviso in quattro porzioni – quattro angoli – facilmente accessibili anche da chi è cieco o ha problemi di vista. Gli angoli sono infatti ben delineati e riconoscibili al tatto dopo i primi tentativi, e corrispondono ad altrettanti semplici pulsanti di navigazione.

Sfogliare i contenuti è dunque facile e veloce. Ogni giornale è rappresentato in una struttura definita ad albero rovesciato. In questo modo, ogni giornale è la radice di un albero. Scegliendone uno, i rami successivi rappresentano le sezioni (ad esempio sport, politica, finanza, cronaca), e dopo la scelta, le foglie sono gli articoli di quella specifica sezione.

Lo schermo di Strillone è stato diviso verticalmente e orizzontalmente in quattro parti uguali facilmente individuabili tenendo il telefono o tablet tra le mani. Ad ognuna di esse è associata un’azione.

Ovviamente Strillone avrà successo se ci saranno giornali e siti che vorranno implementarla, sempre gratuitamente. Per aggiungere la propria testata a Strillone, si può scrivere a dino.maurizio@informaticisenzafrontiere.org.

ringraziamo Pino Bruno per la collaborazione