PlayStation 4

Death Stranding, alcuni attori non hanno veramente recitato

Come oramai ben saprete quella passata è sicuramente stata la settimana di Death Stranding. Dopo diverso tempo l’opera di Kojima Productions si è infatti finalmente mostrata all’intera community in un lungo trailer. Tra scene di gameplay e non, il video è sicuramente riuscito a colpire una buona parte degli appassionati del panorama videoludico.

Grazie a tale trailer finalmente sappiamo molte delle caratteristiche che contraddistingueranno Death Stranding. Ad esempio ora sappiamo che il titolo di Kojima non sarà uno stealth e che non è prevista una meccanica di game over. Tutto questo grazie alle notizie di questi giorni. Non è però tutto qui e il celebre game designer ha nuovamente deciso di condividere con i propri fan ulteriori interessanti caratteristiche del titolo.

https://twitter.com/HIDEO_KOJIMA_EN/status/1133882453972606976

Una degli aspetti di maggior rilievo dell’attesissimo titolo è sicuramente il grande cast, comprendente attori di primissimo piano come Madd Mikkelsen o Norman Reedus. Non tutte le personalità presenti, come rivelato dal game designer stesso sul proprio profilo Twitter ufficiale, hanno però effettivamente impersonato i propri personaggi.

A sfuggire al lavoro sono stati in particolare due attori, ossia Guillermo Del ToroNicolas Winding Refn. Entrambi si sono infatti sottoposti solamente ad una scansione 3D del proprio corpo e delle proprie espressioni. Il modello 3D così ottenuto è stato poi successivamente utilizzato per dare vita in Death Stranding a personaggi dalle sembianze a loro simili. La parte di motion capture e la voce sono state poi ottenute da altri interpreti.

Che ne pensate di questa notizia? Vi disturberà vedere alcuni dei celebri interpreti parlare con voci diverse dalle loro? Fatecelo sapere nei commenti!

Al 8 Novembre 2019 non manca poi così tanto: potete prenotare il titolo comodamente a questo indirizzo.