PlayStation

Death Stranding: padre crea una capsula BB per proteggere il figlio dal contagio

La bellezza dei videogiochi post-apocalittici per molti giocatori sta nella rappresentazione di scenari surreali che in un ipotetico futuro potrebbero avverarsi. Per quanto questi si avvicinino alla realtà, rimane inverosimile (per fortuna) che le situazioni immaginate per questi universi si concretizzino. Ecco però un particolare caso in cui questo tipo di immaginazione incontra la realtà, da un’idea tratta dall’universo Death Stranding.

L’attuale pandemia di coronavirus (COVID-19) si sta rivelando una dura prova per i governi, i sistemi sanitari e le economie di tutto il mondo. La quarantena obbligatoria di interi paesi e l’isolamento di soggetti infettati e a rischio è una situazione del tutto inusuale, difficilmente immaginabile fino a pochi mesi fa. Le strade desolate e gli assalti ai supermercati richiamano subito alla mente di molti i peggior scenari apocalittici mai descritti in romanzi o videogiochi. Paradossalmente date le circostanze attuali, la capsula del Baby Bridge di Death Stranding si è rivelata inaspettatamente utile.

Death Stranding

In Cina il signor Cao Junjie ha progettato e creato per suo figlio una capsula ispirata a quella di BB di Death Stranding. L’idea nasce dalla volontà del padre di poter passeggiare all’aperto con il figlio in totale sicurezza, senza la scomodità di una mascherina che possa ostacolare la respirazione del neonato.

Il dispositivo è composto di due parti: la capsula contente il piccolo, in cui è presente un’entrata protetta da un guanto con il quale lo si può nutrire e coccolare senza toccarlo e un monitor che permette di controllare lo stato dell’aria e del bambino all’interno di questa; e un respiratore che con l’ausilio di filtri pompa all’interno della capsula aria pulita. I più attenti noteranno certamente il logo della Umbrella Corporation di Resident Evil impresso sul respiratore.

Voi cosa ne pensate di questo dispositivo? Vi sareste mai aspettati un oggetto simile in questa situazione? Fatecelo sapere nei commenti.

Se ancora non avete provato Death Stranding potete acquistarlo qui.