Nintendo Switch

Nintendo Switch PRO: si riaccende la speranza grazie al modello OLED

Di Nintendo Switch PRO oramai si parla da quasi un anno e nonostante la totale assenza di notizie ufficiali in merito la giostra dei rumor è sempre in moto. Anche quando la console della casa di Kyoto riceve un update, come nella giornata di ieri, che anticipa l’arrivo degli aggiornamenti del dock della piattaforma. Scettici? Anche noi ma le teorie più semplici spesso si rivelano essere quelle più affidabili.

Nintendo Switch OLED

Andiamo con ordine: l’update di Nintendo Switch lanciato ieri abilità la funzionalità “Aggiorna base”. Questa funzione è (per ovvie ragioni) disponibile solamente sul dock del modello OLED, che è dotato di porta LAN e in effetti servirebbe proprio per attivare la connessione tramite cavo. In teoria Nintendo potrebbe però utilizzare la funzionalità di update per il dock per sbloccare alcune feature dei processori ARM custoditi all’interno dello stesso.

Ora, è molto difficile che Nintendo Switch PRO esista se legata alla base del nuovo modello OLED. Questo perché, come ben saprete, il nuovo dock è in effetti utilizzabile da qualsiasi modello della console (a differenza, per ovvie ragioni, del modello Lite). Questo significa che anche il modello del day one della piattaforma può connettersi al dock e diventare, secondo questo scenario, una console next gen. La teoria più accreditata riguarda però la possibilità che il modello OLED sia più una sorta di apripista verso un eventuale revisione hardware della piattaforma.

Considerando che il nuovo dock possiede la facoltà di aggiornarsi, nulla vieterebbe dunque alla casa di Kyoto di lanciare un nuovo modello di Nintendo Switch, magari il tanto chiacchierato modello PRO e venderlo in bundle con la nuova base. Potenziata la console vera e propria, a quel punto gli aggiornamenti del dock potrebbero permettere al produttore di aumentare la risoluzione in uscita video e magari supportare anche alcune feature come DLSS e Ray Tracing, di recente attivati anche sui processori ARM. A quel punto la casa di Kyoto potrebbe vendere addirittura solamente la piattaforma vera e propria, nel caso un giocatore disponga già della nuova base.

Inutile dire che stiamo attualmente parlando solamente di rumor. Al momento Nintendo Switch PRO non esiste ma è sicuramente curioso vedere come l’aggiornamento di una base possa aprire a simili ragionamenti, in effetti non troppo lontani da una ipotetica realtà. Se saranno davvero queste le mosse del colosso giapponese, siamo certi che ne sentiremo parlare a breve. In caso contrario sarà stata comunque una teoria decisamente interessante da esaminare e uno scenario accattivante da ipotizzare.

Non volete il modello OLED? Nintendo Switch vi aspetta su Amazon ad un prezzo vantaggioso.