Nintendo Switch

Pokémon: Let’s Go è più breve dell’originale: il director spiega il perché

Pokémon: Let’s Go, Pikachu! e Pokémon: Let’s Go, Eevee! sono gli ultimi capitoli della saga Game Freak e Nintendo. I due titoli cambiano le carte in tavola in vari modi: in generale, sono stati apportati vari miglioramenti con lo scopo di snellire l’esperienza classica. Tra i vari, i giocatori hanno notato che l’opera risulta più breve: il director Junichi Masuda ha spiegato il perché all’interno della guida strategica del gioco.

Leggiamo le sue parole, in traduzione:

Quando consideri come vivono le persone in questa epoca, penso si possa affermare che tutti sono abbastanza impegnati. Il modo in cui spendiamo il nostro tempo è diverso rispetto a venti anni fa. Grazie agli smartphone, sei costantemente bombardato di nuove informazioni ed è naturale che si finisca per pensare di voler giocare a qualche altro titolo. Quindi ho ritenuto che non fosse necessario dominare il tuo tempo libero con questa avventura.

Abbiamo velocizzato la velocità di camminata del giocatore e diminuito il tempo di gioco necessario per raggiungere la Sala d’Onore. Le persone che desiderano giocare ancora, possono accudire il proprio partner Pikachu o Eevee, dargli bacche, divertirsi con i vestiti e creare con loro un forte legame. Inoltre, dopo aver superato la Sala d’Onore, spero che i giocatori possano divertirsi ad affrontare gli Allenatori Maestro, che faranno dono di speciali titoli.

Si tratta di un ragionamento sensato, ma che forse non farà piacere ai fan più hardcore. Ovviamente è una mossa pensata per portare i giocatori mobile di Pokémon GO nel mondo delle console, promettendo loro un’esperienza non troppo intensa e longeva. Voi cosa ne pensate? Credete che sia stata una giusta mossa o avreste preferito un capitolo molto più lungo e complesso?

Pokémon: Let’s Go, Pikachu! forse non ricalca l’originale, ma rimane pur sempre un ottimo gioco: avete già comprato la vostra copia?