Tecnologia

Bagarinaggio online, le indagini svelano il “sistema”

Lo scandalo che sta investendo il settore del ticketing online legato ai grandi concerti è senza precedenti. Secondo quanto riporta La Repubblica, l'inchiesta che il PM Adriano Scudieri della Procura di Milano ha affidato al Nucleo di polizia tributaria è giunta a una svolta: la fine delle indagini conferma 10 responsabili. Si parla di agiotaggio per alterazione di mercato e truffa che secondo la procura confermerebbe l'estraneità dai fatti per cantanti e band.

coldplay

"Tutti gli indagati adoperavano artifizi volti a cagionare un aumento o una diminuzione del prezzo dei biglietti degli spettacoli ", scrive Scudieri. Senza contare botteghini che dichiaravano falsi esaurimenti dei biglietti, passaggio degli stessi a società straniere che li rivendevano con prezzi fino al 90% superiori. Insomma, i tour più prestigiosi, come ad esempio quelli degli U2, Coldplay  e Bruce Springsteen, sarebbero stati sfruttati dagli indagati per lucrare illegalmente sulle vendite.

Leggi anche: TicketOne, il bagarinaggio è antico quanto la prostituzione

In sintesi sono finite sotto accusa Di and Gi, Live Nation, Live Nation Italia e Vivo. Dal 2011 fino a pochi mesi fa il "sistema" avrebbe messo sul mercato un ristretto numero di biglietti a prezzo normale e passato sotto banco tutto il resto a società di ticketing online specializzate.

u2

Secondo le ricostruzioni degli inquirenti Vivo srl avrebbe venduto biglietti per un importo di 798 mila euro, ottenendo dalla rivendita guadagni per 222 mila euro. Viagogo avrebbe quindi rivenduto biglietti "a un prezzo ingiustificatamente maggiorato rispetto a quanto stabilito dai cantanti e dagli organizzatori […] divulgando false informazioni al pubblico relative alla disponibilità degli stessi, inducendo così gli utenti ad acquistarli a un prezzo estremamente più elevato".

Leggi anche: L'AGCM sanziona i bagarini 2.0 e anche TicketOne

Live Nation avrebbe ottenuto grazie al bagarinaggio online circa 1 milione e 200 mila euro.

Al solito questa è da considerarsi una ricostruzione basata sulle prove raccolte, ma solo l'eventuale processo stabilirà le precise responsabilità.


Tom's Consiglia

In alternativa a un concerto degli U2 si può sempre ripiegare sul cofanetto The Joshua Tree – 30th Anniversary (4 CD).