Spazio e Scienze

Big Data e semafori smart contro traffico e inquinamento

Si parla tanto – spesso a sproposito – di smart cities e smart communities, ma in realtà sono poche le città che traducono in fatti concreti le soluzioni annunciate. Soprattutto in Italia. Altrove va molto meglio e, tra le eccezioni, va segnalata la città cinese di Guiyang, capitale della provincia di Guizhou. Una metropoli, con i suoi tre milioni di abitanti, e come tale afflitta dal problema del traffico veicolare e dall'inquinamento. Cosa hanno fatto gli amministratori di Guiyang? Hanno fluidificato il traffico, rendendolo molto più scorrevole, grazie a semafori e segnali stradali intelligenti.

traffico nella città cinese di Guiyang

Ci hanno lavorato su NTT Data Corporation, fornitore globale di servizi IT, e l'Istituto del Software dell'Accademia Cinese delle Scienze. La sperimentazione si è svolta tra il 22 febbraio e il 6 marzo 2016 nell'area più congestionata della città. Una enorme quantità di dati è stata raccolta dagli autobus pubblici dotati di GPS, 100 telecamere di sorveglianza e 100 segnali stradali e semafori dotati di sensori, posizionati in 12 incroci. In tredici giorni sono stati seguiti i movimenti di 1 milione di veicoli, identificati grazie ai numeri di targa rilevati dal sistema di controllo del traffico.

traffico

La piattaforma software ha gestito al meglio semafori e segnali e così si è arrivati a ridurre fino al 51 per cento i tempi di attraversamento degli incroci, anche se il numero dei veicoli in transito è aumentato del 34 per cento. Cioè più traffico ma molto più fluido, senza soste inutili con i motori accesi e dunque meno emissioni nell'area interessata.  

traffico

Dopo il successo del test, la soluzione hardware/software di NTT Data Corporation è stata adottata ed è già in funzione. Adesso l'amministrazione comunale ha deciso di estendere il sistema ad altri quartieri e coinvolgere i taxi dotati di GPS per aumentare i Big Data.