Tom's Hardware Italia
Telco

Brescia cablata in fibra (FTTH) grazie a Open Fiber, A2A e Comune: obiettivo 70mila unità immobiliari

Il Comune di Brescia, la multi-utility A2A e Open Fiber stanno portando avanti un progetto di implementazione della rete in fibra (FTTH). Si parla di 70mila unità immobiliari raggiunte da servizi abilitanti servizi di connettività a 1 Gbps.

Brescia sarà oggetto di un piano digitale che vede il coinvolgimento del Comune, la multi-utility A2A e Open Fiber: l’obiettivo principale è cablare in fibra (FTTH) oltre 70mila unità immobiliari. Si parla di un investimento di oltre 16 milioni di euro per abilitare servizi di connettività a 1 Gbps. Saranno impiegati 550 km di infrastruttura di A2A (in gran parte già esistente in città) e oltre 2.500 km di fibra posata.

L’intero progetto, sinergico a “Brescia Smart City”, è stato presentato ieri a Palazzo Loggia alla presenza del Vicesindaco con delega all’Innovazione Laura Castelletti, l’Assessore alla Rigenerazione urbana Valter Muchetti, l’Amministratore delegato di A2A Valerio Camerano, di Paolo Visconti, Responsabile Network e Operations Area Nord di Open Fiber, nonché di Fabio Lavini, Presidente di Brescia Infrastrutture.

“L’autostrada digitale” consentirà a rendere più efficiente la rete energetica attraverso il telecontrollo dei contatori, abiliterà sistemi di videosorveglianza, senza contare i progetti “Brescia Smart Living” (a tutela delle fragilità), “Scuole in rete” (ovvero la digitalizzazione di tutti gli istituti cittadini) e “Oltre la strada” per il quartiere di porta Milano.

Per quanto riguarda i lavori, sono iniziati nel 2018 e ad oggi ad oggi sono state predisposte circa 30.000 unità immobiliari, con previsione termine lavori entro quest’anno. Anche la costruzione delle due centrali (POP) che alimentano la rete FTTH di Open Fiber è stata completata l’anno scorso.

Photo credit - depositphotos.com

“Per la conclusione del progetto sono stimati circa 5.000 interventi complessivi suddivisi tra infrastrutture ed adduzioni agli edifici e posa pozzetti; allo stato attuale sono stati anche realizzati gli interventi necessari a collegare la rete FTTH della città con la rete nazionale di trasporto per garantire i servizi”, si legge nella nota ufficiale.

Dei 12 anelli progettati sulla città di Brescia ad oggi vi sono 7 anelli in lavorazione all’interno dei seguenti quartieri: Casazza, Mompiano, Villaggio Prealpino, S. Bartolomeo, S. Rocchino, S. Eustacchio, Crocifissa di Rosa, Lamarmora, Porta Cremona, S. Polo Case, S. Polo 2, Sanpolino e S. Polo Questura.

A2A Smart City ha consentito ad Open Fiber di avvalersi dello specifico e consolidato approccio attuato nelle città nelle quali il Gruppo A2A possiede o gestisce importanti reti di servizi di pubblico interesse, comprese le reti di telecomunicazioni. Insomma è avvenuta la condivisione di tubazioni, pozzetti e in qualche caso  infrastrutture aeree, promuovendone un utilizzo coordinato ed ottimizzato. L’abilitazione di infrastrutture esistenti consente di ridurre la previsione di scavo di circa il 75% rispetto ad una soluzione standard e gli stessi ripristini, di conseguenza, risultano più rapidi ed efficaci.

Da rilevare che è stata prevista un’attività di comunicazione puntuale per quartieri. “Il progetto sarà supportato da una serie di canali di comunicazione: gli uffici comunali di zona, ad esempio, potranno diventare punti informativi sullo stato di avanzamento e, attraverso A2A Smart City, punto di raccolta delle segnalazioni e delle istanze dei cittadini”, conclude la nota.