Tom's Hardware Italia
Spazio e Scienze

Che cosa vi piacerebbe sapere sullo Spazio? Chiedetelo all’ESA!

L'Agenzia Spaziale Europea ha iniziato a raccogliere le opinioni dei cittadini europei sulle domande spaziali a cui è prioritario dare risposta. Ecco il link per partecipare al sondaggio.

Quali domande avete sullo Spazio a cui non esiste ancora una risposta scientifica? Pensateci bene, se valutate che siano sensate e che possano essere di interesse pubblico fatevi avanti. Per la prima volta l’Agenzia Spaziale Europea sta infatti consultando il pubblico per conoscere le domande a cui secondo i contribuenti europei dovrebbe rispondere il Voyage 2050, il programma di scienze spaziali dell’ESA per il periodo 2035-2050. La consultazione pubblica si è aperta ieri e durerà fino alla fine di giugno, potete partecipare cliccando qui.

Gunther Hasinger dell’ESA ha infatti ricordato che “le nostre missioni sono finanziate dagli Stati membri e ciò significa dai loro cittadini. Desideriamo fare leva sul senso di appartenenza e coinvolgere nel programma di scienze spaziali il nostro pubblico, quindi desideriamo ascoltare le opinioni di tutti per scegliere la nostra prossima serie di missioni in modo aperto e trasparente”.

La sonda Rosetta – ricostruzione grafica. Crediti: ESA

Per partecipare al sondaggio non sono richieste conoscenze specialistiche, basta avere compiuto i 16 anni di età. Il sondaggio pubblico va di pari passo con quello ristretto alla comunità di scienziati, che è in corso. Ricordiamo che ogni 10 anni l’ESA consulta la comunità scientifica europea per pianificare il futuro del suo programma scientifico. Il piano attuale, Cosmic Vision 2015-2025, copre una serie di missioni che saranno lanciate e gestite fino all’inizio della decade degli anni ’30, ed è il risultato di una consultazione con gli scienziati europei iniziata nel 2005. Fra queste ricordiamo la pionieristica missione Rosetta lanciata nel 2004, per esempio.

Sebbene il 2035 possa sembrare lontano, è ora di iniziare a pianificare le missioni future, che richiedono una lunga serie di valutazioni, assegnazioni e implementazioni prima di potersi concretizzare. Questa prospettiva lungimirante è cruciale per l’Europa, perché definisce gli obiettivi comuni per scienziati, ingegneri, industria e agenzie nel corso di decenni. In quest’ottica solo una pianificazione strategica a lungo termine garantisce lo sviluppo continuo di tecnologie innovative, promuovendo al tempo stesso l’esperienza di ricerca europea in settori scientifici di ampia portata.

Via Lattea, rappresentazione artistica

“Questa consultazione rappresenta un’opportunità entusiasmante per la scienza spaziale europea”, afferma il direttore Hasinger. “Guarderemo a ciò che possiamo realizzare in futuro, e questo significa che incoraggiamo in particolare i giovani a condividere le loro opinioni, dopotutto sono loro che lavoreranno e beneficeranno di queste missioni”.

Rappresentazione artistica di un buco nero supermassiccio al centro di una galassia

Visto che è la prima volta che l’ESA consulta il pubblico, e speriamo che non sia l’ultima, è auspicabile che chi parteciperà al sondaggio dia dimostrazione di vero interesse e ponga domande sensate e mirate alla pianificazione di missioni scientifiche reali.

Marte vi appassiona? Leggete Progetto Marte. Storie di uomini e astronavi, scritto da  Wernher von Braun e tradotto dal grande Giovanni Bignami.