Droni

Droni, il primo manuale di sopravvivenza

Pagina 1: Droni, il primo manuale di sopravvivenza

Ce ne saranno sempre di più, sulle nostre teste. Secondo The Washington Times, già ottantasette nazioni usano droni per scopi militari, mentre la Federal Aviation Administration (FAA) stima trentamila droni civili in volo sugli Stati Uniti entro vent’anni.

Qualche giorno fa la stessa FAA ha ampliato la gamma di sperimentazione dei piccoli velivoli senza equipaggio. Alla sorveglianza aerea anche per scopi meteo e alle esigenze delle forze dell’ordine si sono aggiunti i droni portapacchi, l'irrorazione delle colture, l'individuazione di bracconieri. Va detto che Amazon, UPS e DHL stanno già pensando alle consegne a domicilio di alcuni prodotti, mentre si scaldano in panchina redazioni giornalistiche e paparazzi.

L'Italia è uno dei primi paesi in Europa a vantare un regolamento per l'uso dei droni, e dei mezzi aerei a pilotaggio remoto (APR) in genere. L'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC) ha deliberato un Regolamento che, in attuazione dall’articolo 743 del Codice della Navigazione, fornisce i requisiti per assicurare l’impiego di questi mezzi in condizioni di sicurezza.

Si tratta di un grande passo in avanti poiché non esiste ancora uno standard di riferimento europeo e neanche una linea guida dell'International Civil Aviation Organization. La Circolare applicativa entrerà in vigore dopo 60 giorni dalla pubblicazione del documento sul sito dell'Enac.

D’altronde l’Italia sta facendo grande uso di droni militari. Nel numero di Wired in edicola c’è un interessante reportage di Federico Petroni dalla base aeronautica di Amendola, in Puglia, che ospita MQ-9 Reaper e MQ-1 Predator. Si scopre così che il debutto nei cieli italiani è avvenuto per garantire la sicurezza del vertice Italia-Russia del 2007 a Bari. Missione bissata nel 2009 con il G8 dell’Aquila. Dal 29 ottobre del 2013, poi, i droni decollano ogni giorno da Amendola per partecipare alla missione Mare Nostrum.

Droni dappertutto, dunque. Dovremo imparare a convivere e …a sopravvivere. Seguendo ad esempio i pragmatici consigli della pur non esaustiva Drone Survival Guide, frutto del lavoro del designer olandese Ruben Pater. Il manuale è disponibile anche su foglio di alluminio, da usare come specchio riflettente per "abbagliare" le telecamere dei droni.

A seguire la traduzione in italiano, nella seconda pagina.