Telco

Fastweb, ottimi conti e 1,1 mln di clienti ultra-broadband

Fastweb conferma che nel primo trimestre 2018 ha ormai raggiunto quota 2,483 milioni di clienti (+3% rispetto a 1Q 2017), di cui 1,124 milioni attestati su reti a banda ultralarga con velocità da 100 Mbps a 1 Gbps. I dati finanziari rispettano l'andamento positivo degli ultimi 19 trimestri consecutivi.

I ricavi hanno toccato quota 492 milioni di euro (+9%) e l'Ebitda ha raggiunto i 144 milioni di euro (+5%), mentre gli investimenti su FTTx e Wi-Fi, a 159 milioni di euro (+6%), rappresentano il 32% dei ricavi.

Fastgate
Fastweb Fastgate

"Non si ferma la straordinaria crescita del mobile: 1.185.000 SIM attive (+55%) al 31 marzo, in aumento del 55% rispetto al 1Q 2017", puntualizza la nota ufficiale. A dimostrazione che la strategia "#nientecomeprima", basata su offerte semplici e prive di costi nascosti, è gradita alla clientela.

"Proseguono i lavori di estensione della rete ultrabroadband, disponibile al 31 marzo in 15 milioni di abitazioni, di cui 8 con rete proprietaria. In particolare passano a 3.2 milioni le case raggiunte da rete FTTH, anche grazie al contributo di FlashFiber – la joint venture creata con TIM a luglio 2016 per la realizzazione della rete in fibra fino all'abitazione in 29 città – che a fine marzo raggiungeva una copertura di 1.2000.000 unità abitative e imprese", prosegue la nota.

Leggi anche: Fastweb Mobile rivoluziona il mercato in tre mosse

Fastweb è convinta che gli investimenti nelle infrastrutture stiano contribuendo sensibilmente al suo successo: la percentuale di clienti consumer Fastweb che ha optato per servizi di connettività ultraveloce è salita al 47%. Erano 892mila nel 2017, adesso sono 1.124.000.

Infine per quanto riguarda l'indagine Antitrust sul progetto FlashFiber – rete FTTH in 29 città entro il 2020 – ogni criticità emersa sembra sia stata risolta.

"L'AGCM ha ritenuto che gli impegni assunti da Fastweb e Tim siano idonei a superare le preoccupazioni concorrenziali: il progetto, anzi, favorirà lo sviluppo di forme di concorrenza infrastrutturata nei mercati dell'accesso ad Internet su rete fissa e consentirà un rapido processo di copertura del territorio nazionale con reti di nuova generazione", conclude l'operatore.