Fotografia

Fujifilm FinePix XP50 e XP150, compatte per Bear Grylls

Fujifilm ha aggiornato la sua gamma di compatte “rugged” con due nuovi modelli che migliorano LCD (2,7 pollici da 230.000 punti, ora più luminoso), ergonomia del corpo (soprattutto in acqua, punto debole riconosciuto del modello precedente) e tempi di risposta.

La FinePix XP50 è impermeabile fino a una profondità di 5 metri, e l’involucro della fotocamera è in grado di resistere a urti o cadute da un’altezza di 1,5 m e di sopportare temperature fino a -10°C. Polvere e sabbia, naturalmente, non sono un problema.

FinePix XP50

La FinePix XP150 è ancora più estrema e assicura impermeabilità fino a 10 metri e resistenza a cadute da 2 metri. Inoltre, integra un ricevitore GPS con bussola elettronica. Le caratteristiche fotografiche, invece, sono le stesse per entrambe.

FinePix XP150

Il sensore è un CMOS da 14 Mpixel 1/2.33″, affiancato da un nuovo processore d’immagine. La sensibilità ISO fino a 3200 e lo stabilizzatore CMOS Sensor-Shift danno una mano in ambienti scarsamente illuminati, come nel caso delle foto subacquee.

Lo zoom ottico grandangolare 5x equivale a un 28-140mm; la luminosità massima, come sempre per queste fotocamere, non è eccezionale (f/3.9 – 4.9). Caratteristica delle Fujifilm è lo zoom interno (escursione verticale e specchio a 45°), che rende la fotocamera ancora più robusta e insensibile agli urti.

Oltre alle foto, le nuove FinePix XP sono in grado di girare video Full HD 1080p a 30 fps. Tra le funzioni “speciali”, citiamo sia la Panorama 360° che la Pro Low Light (ripresa HDR).

FinePix XP50 è disponibile nei colori nero, blu e arancione, mentre la FinePix XP150 in silver, blu e arancione. Entrambe saranno disponibili da febbraio a prezzi, rispettivamente, di 200 e 280 dollari.